Home . Fatti . Politica . Valle d'Aosta: Union Valdotaine primo partito, exploit Lega

Valle d'Aosta: Union Valdotaine primo partito, exploit Lega

POLITICA
Valle d'Aosta: Union Valdotaine primo partito, exploit Lega

Immagine d'archivio (Fotogramma)

Si è concluso in Valle d'Aosta lo scrutinio delle 67.160 schede delle elezioni regionali per il rinnovo del Consiglio valdostano. Primo partito con il 19,25% dei voti l'Union Valdotaine, seguito dalla Lega con il 17,06% dei consensi. Il Movimento 5 Stelle si attesta al 10,44%, il Pd al 5,39% e il centrodestra al 2,92%. Nel futuro Consiglio sederanno 7 consiglieri rispettivamente per Union Valdotaine e Lega, quattro di M5S, fuori Pd e centrodestra. La lista Pour Notre Valle’ -Stella alpina ha ottenuto 10,66% e quattro consiglieri, Impegno civico 7,54% e 3 eletti, Uvp il 10,59 % e 4 consiglieri, Alpe il 9% e 3 eletti, %), Mouv’ il 7, 13% e tre consiglieri.

''E' un successo straordinario - commenta all'Adnkronos uno dei candidati al Consiglio regionale, Luca Distor - non solo perché da zero siamo arrivati al 17% ma anche perché siamo secondi al partito storicamente autonomista da cui ci separa circa il 2% dei voti e rispetto al quale, stando ai primi calcoli, dovremmo avere lo stesso numero di consiglieri''.

''Certo - prosegue - le numerose liste presenti rendono il quadro frammentato, per questo è necessario un ampio confronto tra le diverse forze politiche per raggiungere una stabilità di governo. Il 21 giugno ci sarà l'insediamento del Consiglio dopodiché avremo 60 giorni di tempo per definire la situazione. Per quanto ci riguarda - conclude Distor - ribadiamo quanto già detto in campagna elettorale, la Lega non è disposta a fare alleanze con chi ha la responsabilità della caduta economica e morale della valle. Oggi consegniamo il nostro programma come patto ai valdostani e su quello dialogheremo''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.