Home . Fatti . Politica . La tentazione di Berlusconi

La tentazione di Berlusconi

POLITICA
La tentazione di Berlusconi

(Adnkronos)

''Berlusconi deve assolutamente candidarsi, innanzitutto per ragioni politiche. E' il leader del partito, deve essere il nostro capolista". Lo dice all'Adnkronos il neo vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, convinto che il Cav debba tornare in campo e metterci la faccia. Le europee del 2019 sono l'occasione giusta per marcare il territorio e provare a riconquistare quell'elettorato moderato deluso, che da tempo ha abbandonato i lidi azzurri.

Secondo molti forzisti, questo è "l'unico modo per risalire nei sondaggi o almeno consolidare la quota del 14% delle ultime politiche, l'alternativa è la lenta subalternità alla Lega". Dalle parti di Arcore assicurano che l'ex premier è fortemente tentato dalla 'ridiscesa in campo' e ci sta riflettendo seriamente, valutando i pro e i contro, perché sarebbe il "giusto riscatto internazionale".

Per Tajani sarebbe un ottimo ricostituente per il partito e il suo 'corpaccione', sempre più dilaniato da malumori e divisioni, di fronte al rischio salvinizzazione: ''Le europee rappresentano una dimensione internazionale, ora che è riabilitato Berlusconi deve candidarsi ed essere rieletto, tornare vincitore. E' molto importante e significativo dal punto di vista politico e non solo''.

Tajani non vuole mollare la presa nemmeno sulla prossima presidenza Ue: ''Lavorerò fino in fondo per fare in modo che Fi possa avere la presidenza del Parlamento europeo anche nel 2019, per continuare quel che abbiamo sempre fatto. Ovvero, cambiare l'Europa''.

"Da quando sono presidente -rivendica Tajani, citando un sondaggio dell'Eurobarometro della Commissione Ue- il gradimento dei cittadini verso il Parlamento europeo è aumentato nell'ultimo anno e mezzo del 13% in Europa e anche in Italia".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.