Home . Fatti . Politica . Salvini: "Razzismo? Unico allarme i reati degli immigrati"

Salvini: "Razzismo? Unico allarme i reati degli immigrati"

POLITICA
Salvini: Razzismo? Unico allarme i reati degli immigrati

(Afp)

Ieri aveva detto che "l'allarme 'razzismo' è un'invenzione della sinistra" e che "gli italiani sono persone perbene ma la loro pazienza è quasi finita". Oggi il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, è tornato sull'argomento, sottolineando che "aggredire e picchiare è un reato, a prescindere dal colore della pelle di chi lo compie, e come tale va punito. Ma accusare di razzismo tutti gli italiani e il governo in seguito ad alcuni limitati episodi è una follia".

"Ricordo che i reati commessi ogni giorno in Italia da immigrati sono circa 700, quasi un terzo del totale, e questo è l'unico vero allarme reale contro cui da ministro sto combattendo" ha rimarcato il titolare del Viminale.

Salvini ha parlato di migranti anche al 'Sunday Times'. "Un Paese che non fa figli è destinato a morire, noi abbiamo creato il ministero della Famiglia per lavorare su questi temi: fertilità, nidi, aiuti fiscali per le famiglie" ha evidenziato nell'intervista. Per il vicepremier la sinistra usa questo tema, la bassa natalità italiana, come "scusa per far arrivare i migranti nel nostro Paese", mentre alla fine del mandato il governo sarà "giudicato più sul numero di nuovi nati che non su quelli legati al nostro debito pubblico".

Il ministro dell'Interno con il 'Sunday Times' ha affrontato anche il capitolo Brexit. "Spero che i negoziati si concludano bene per il Regno Unito, in modo che siano l'esempio di un popolo che ha la meglio sulla Ue" ha detto, facendo il punto sulla trattativa tra Londra e Bruxelles per l'uscita dalla Ue, ancora in stallo. Salvini ha difeso la posizione di Londra. "Ricordo il referendum come esempio di partecipazione e libertà. La mia esperienza al Parlamento europeo mi dice che o ti imponi o ti truffano, non c'è alcuna obiettività e buona fede da parte dell'Ue", l'affondo del leader della Lega.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.