Home . Fatti . Politica . Duro scontro Di Maio-Boldrini

Duro scontro Di Maio-Boldrini

POLITICA
Duro scontro Di Maio-Boldrini

Di Maio (Fotogramma) e Boldrini (Fotogramma)

Botta e risposta al veleno tra Luigi Di Maio e Laura Boldrini sul caso Diciotti. Il vicepremier, ospite di Agorà Estate su Rai Tre, ha detto di non accettare lezioni da chi "in questi giorni sta andando a fare le sfilate sul ponte della Diciotti e poi non s'è degnato neanche di venire ai funerali dei morti del ponte Morandi a Genova". "Sto parlando - ha chiarito - di molti esponenti dell'opposizione che ci fanno la morale". Poi Di Maio, assicurando di avere a cuore la salute dei migranti a bordo, ha citato direttamente la Boldrini, sottolineando che se l'ex presidente della Camera potuta "andare a fare le sfilate sulla Diciotti" è proprio perché la nave è stata portata al porto di Catania e non lasciata nel Mediterraneo.

Parole che fanno infuriare Boldrini. "Di Maio è patetico - scrive su Facebook -. Se le istituzioni sono presenti nei luoghi dei disastri fanno la passerella, se non vanno sono degli insensibili, distanti dal dolore delle persone. Una regola che, però, vale solo per gli altri, non per lui. Nella scorsa legislatura, infatti - ricorda -, sebbene fosse vicepresidente della Camera non l’ho visto in molti funerali dove sono morti tanti nostri connazionali o nelle ore più drammatiche del terremoto, quando ancora i vigili del fuoco scavavano tra le macerie per cercare persone ancora vive". "Dov’era Luigi Di Maio? - chiede - Ma è ovvio, a fare le dirette Facebook sul nulla, la stessa cosa che continua a fare ora che è agli ordini di Salvini. Un ministro che usa questi argomenti per nascondere la sua inadeguatezza e quella dell’esecutivo deve fare solo una cosa: vergognarsi", conclude.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.