Home . Fatti . Politica . "Italiani non sono razzisti", l'immigrato che conquista Salvini

"Italiani non sono razzisti", l'immigrato che conquista Salvini

POLITICA
Italiani non sono razzisti, l'immigrato che conquista Salvini

(fermo immagine video Facebook Matteo Salvini)

"Non è vero che gli italiani sono razzisti, sono stufi". E' quanto sostiene un lavoratore di colore in un video postato su Facebook dal ministro dell'Interno Matteo Salvini che, a sua detta, "vale più di mille articoli di giornale!". "Alla faccia di Onu e buonisti...", scrive il vicepremier leghista, invitando i suoi followers a condividere il filmato social.

"Sono qui da 15 anni e ho sempre lavorato", racconta il lavoratore, "tutti mi conoscono, sanno chi sono, perché il mio lavoro l'ho sempre preso sul serio", ribadisce. Poi l'affondo contro i migranti: "Bisogna lavorare, non c'è niente da fare, se non vuoi lavorare torna a casa, da dove sei venuto". Secondo l'operaio gli "italiani non sono razzisti, anzi, sono molto accoglienti" e "Salvini ha ragione". "Speriamo che vada fino in fondo", conclude, "Vai avanti Salvini".

Dichiarazioni che, a giudicare dai migliaia di like e commenti raccolti dal filmato social, hanno riscosso un grande successo in rete. "Questi sono gli immigrati che vogliamo! Non quelli che bivaccano a spese nostre", "Complimenti sei l'orgoglio di noi Italiani che non siamo razzisti, ma che vogliamo la legalità in Italia . Bravo ce ne vorrebbero tante persone come te", "A queste persone ci dobbiamo inchinare,rispettarli e aiutarli, altro che razzisti", si legge tra i messaggi apparsi sulla bacheca di Salvini.

E ancora, "Finalmente una persona perbene", osserva un utente, "questo video dimostra che non c'è nessun razzismo! - sottolinea un altro - Fatelo vedere all'Onu per favore". E infine c'è anche chi, rivolgendosi direttamente al titolare del Viminale, avanza una proposta sopra le righe: "Ministro perché non lo incontra e lo premia per essere esempio di come ci si possa comportare bene".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.