Spunta ipotesi rateizzazione

Incontro a Genova, riferiscono fonti parlamentari, tra i legali della Lega e i giudici della Procura titolari dell'inchiesta sul sequestro dei circa 49 milioni di fondi del Carroccio per la presunta truffa ai danni dello Stato legata ai rimborsi elettorali non dovuti dal 2008 al 2010 per cui sono stati condannati in primo grado Umberto Bossi, l'ex tesoriere Francesco Belsito e tre ex revisori dei conti.

Sul tavolo del summit, raccontano, le modalità di esecuzione del provvedimento con cui il Tribunale del riesame del capoluogo ligure giovedì scorso ha confermato il sequestro dei 49 milioni d'euro. Tra le ipotesi ci sarebbe il prelievo graduale per dare la possibilità alla Lega di continuare a svolgere la sua attività politica.

Dopo l'incontro con i magistrati, gli avvocati della Lega, raccontano, hanno partecipato a una riunione in via Bellerio per fare il punto della situazione e parlare proprio di questa opzione. A quanto si apprende, la Lega si è riservato di valutare la fattibilità, e quindi, i pro e i contro, di questa exit strategy. In ogni caso, il team legale di Salvini presenterà nei prossimi giorni il ricorso in Cassazione contro il pronunciamento.