Home . Fatti . Politica . Salvini: "Manovra non cambia"

Salvini: "Manovra non cambia"

POLITICA
Salvini: Manovra non cambia

(Afp)

"La manovra non cambia". Lo assicura il vicepremier Matteo Salvini ospite di Agorà su Raitre. "Ho assunto un impegno solo in questo studio decine di volte per cambiare la Fornero e adesso - dice - perché qualcuno a Bruxelles, lo spread o Bankitalia mi dice che non va bene dico agli italiani 'ho scherzato?'. Io la manovra non la cambio, io vado dritto". "Non torneremo indietro, su Fornero, reddito cittadinanza, flat tax Equitalia noi andiamo avanti", ribadisce.

Spread a quota 400? "Non ci arriverà - afferma -, noi andiamo avanti e non mi pongo un problema che non esiste. Siamo stati abituati a governi che andavano a Bruxelles con il cappello in mano, tutti questi geni che ora parlano". "Tutti i governi precedenti - rivendica il ministro dell'Interno - hanno aumentato il debito. Ora è come andare da un medico perché hai l'influenza, ti dà una medicina ma dopo 5 anni hai ancora la febbre. Ebbene, o cambi medicina o cambi il medico".

Per Salvini occorre "non farsi prendere dal panico che non esiste. Dietro lo spread c'è qualcuno che in multinazionali e istituti finanziari importanti decide con un click compro o vendo. Ci sono pochi, grandi personaggi che sperano che l'Italia salti. L'Italia non salta, il governo va avanti. Se qualcuno continua a speculare sull'Italia, sbaglia a farlo". Per il vicepremier sono "tutti contro l'Italia, perché in Italia ci sono aziende sane che qualcuno vuole comprare sottocosto. Penso a pezzi di Eni, di Enel. Complotto? Ma che complotto, non ci sono marziani. Qui si tratta di finanza".

Commentando le previsioni di crescita, Salvini osserva: "L'Italia non merita lo zero virgola di crescita. Ma poi lei ha visto le stime di questi anni? Ci hanno mai azzeccato?". Poi aggiunge: "Aiutare chi investe nei titoli italiani è nostra convinzione da anni ed è nel contratto di governo. E' possibile pensare a nuove emissioni di titoli facendo pagare meno tasse a chi investe nel proprio Paese".

Parlando del reddito di cittadinanza, Salvini dice: "Saranno previste penali pesantissime per chi proverà a fregare il prossimo". Riguardo all'ipotesi di detassare le pensioni in alcuni regioni del sud dell'Italia a chi volesse portare la residenza in queste zone, il vicepremier spiega: ''Ci stiamo lavorando. In alcune regioni del Sud detassare le pensioni''.

A proposito della pace fiscale, il ministro dell'Interno sottolinea: "Riguarda solo chi ha fatto la dichiarazione dei redditi. L'obiettivo è che lo Stato convochi queste persone e dica loro: 'quanto puoi darmi per tornare a lavorare e pagare le tasse?'. I tecnici lavorano sulle soglie". Salvini ricorda: "Abbiamo ereditato rottamazioni delle cartelle esattoriali". Il decreto fiscale, aggiunge, "sarà in Consiglio dei ministri venerdì o lunedì prossimo, stiamo lavorando in particolare su dieci milioni di cartelle sotto i diecimila euro".

Riguardo all'ipotesi di elezioni anticipate, il vicepremier spiega: "Se le volessi sarei egoista. Da segretario della Lega avrei il mio tornaconto: abbiamo preso il 17%, ora i sondaggi mi dicono che prenderemmo il doppio, eleggerei il doppio dei deputati e senatori. Ma no, non esiste, ho firmato un impegno e - conclude - sto qui per 5 anni continuando a fare quel che mi sono impegnato a fare".

Anche il vicepremier, Luigi Di Maio, intervenendo a Radio Anch'io, ribadisce l'intenzione di andare avanti. Il Def varato dal governo "è un atto di coraggio che gli italiani aspettavano da anni" e "non si può tornare indietro", afferma. "Non accetto il fatto che Bankitalia, l'Ufficio parlamentare di bilancio hanno detto che non va bene, allora si torna indietro", dice. "Il mio obiettivo - aggiunge - non è lo spread alto o lo spread basso ma la felicità dei cittadini e questo va la di là dei numeri. Se vogliamo iniziare anche noi a fossilizzarci sui numeri, allora faremo come quelli di prima e allora sarò io a dire agli italiani di mandarci a casa". Tornare indietro, avverte, significa "tradire gli italiani e io i miei concittadini non li abbandono".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.