Home . Fatti . Politica . Scoppia il caso Savona

Scoppia il caso Savona

POLITICA
Scoppia il caso Savona

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Le parole del ministro degli Affari europei Paolo Savona, che nello studio di Porta a Porta ha detto che la manovra va cambiata se lo spread sfugge, non è piaciuta ai membri del governo, creando più di una tensione nella compagine guidata da Giuseppe Conte. La famosa domanda sarcastica sulla potenza numerica della Chiesa sarebbe rimbalzata, a quanto apprende l'Adnkronos, sui cellulari di diversi ministri M5S: "quante divisioni ha Savona?", il commento che ha infatti accompagnato i lanci di agenzia che riportavano le parole del ministro.

Nello studio di Vespa, in una giornata nervosa sui mercati, dove lo spread ha toccato i massimi dal 2013 per poi scendere a 298 punti base con un rendimento del 3,2%, il ministro degli Affari europei ha detto: "Se ci sfugge lo spread, si deve cambiare la manovra" entro fine anno. Ma, ha affermato il ministro, "lo spread non arriva a 400, ne sono abbastanza sicuro. Vince il mercato".

Inoltre, parlando della manovra, Savona ha detto che il provvedimento che sarà varato dal governo per il 2019 è "cauto, moderato e corretto". "Moderato perché avremmo bisogno di andare ben oltre il 2,4% per dare una forte spinta". Il ministro ha poi spiegato che il provvedimento è cauto perché verrà fatta una verifica ogni 3 mesi ''per vedere se le cose camminano secondo quanto noi diciamo, comprese le previsioni macroeconomiche''. Quindi, già alla fine dell'anno, sarà effettuata una valutazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.