Home . Immediapress . Agricoltura e Allevamento . Allevare un pastore tedesco: intervista a Gaetano Di Casa Falcone

Allevare un pastore tedesco: intervista a Gaetano Di Casa Falcone

AGRICOLTURA E ALLEVAMENTO
Allevare un pastore tedesco: intervista a Gaetano Di Casa Falcone

Alvignano, Caserta, 3 settembre 2018 - I pastori tedeschi sono una delle razze di cani più richieste, adattabili in tantissime situazioni che vanno dalla "semplice compagnia", all’aiuto per i non vedenti fino a collaborazioni strette con forze dell’ordine o operazioni di soccorso.

Data la loro peculiarità, è fondamentale fornire fin dalla nascita a questi cuccioli tutti gli insegnamenti necessari per permettergli di sfruttare a pieno le loro potenzialità.

Aumentano le richieste per la vendita e l’adozione di pastori tedeschi a livello nazionale ed internazionale a parlarcene è Gaetano dell'allevamento di Casa Falcone.

Come si alleva un cucciolo di pastore tedesco?

È importante sottolineare che la vita di un Allevatore, è in funzione con quella dei suoi cani e che oltre alla competenza e alla formazione (caratteristiche imprescindibili) è fondamentale la passione e l’amore per questo lavoro.

Questo significa essere in grado di provvedere a tutti i bisogni fisiologici e mentali di ogni cucciolo (e adulto) prima ancora della sua nascita!

La scelta accurata delle fattrici, esenti da displasia e con determinate caratteristiche caratteriali e fisiche, garantisce la nascita di cuccioli sani e forti, i quali riceveranno fin dal loro primo giorno di vita, tutte le cure necessarie affinchè crescano in perfetta salute, partendo dalla dieta giornaliera, alla socializzazione fino ad arrivare alle varie attività di svago, inoltre già a partire dal terzo o quarto mese, può cominciare l’educazione vera e propria del pastore tedesco, con metodologie che si adattano in base alle esigenze di ogni cucciolo.

Come si può ben capire, allevare un pastore tedesco è veramente un lavoro a tempo pieno che richiede un dispendio di energie elevato!

Quali sono i consigli che vorresti dare a chi decide di adottare un pastore tedesco?

Spesso si sente dire che il primo cane che si avvicina è quello che dovrebbe essere adottato, ovviamente esistono vari metodi per capire qual è il compagno a 4 zampe ideale e si potrebbe parlarne per giorni, i fattori determinanti che entrano in gioco riguardano principalmente la destinazione del cucciolo: i pastori tedeschi infatti vengono impiegati per una moltitudine di attività che possono andare dalla “semplice” compagnia in famiglia, all’aiuto nella ricerca di dispersi, al pascolo di un gregge, ecc…

Per questo motivo è fondamentale conoscere cosa farà il cucciolo e capire se il suo carattere combacerà con le esperienze che lo attenderanno, è vero che tramite un’educazione ben fatta si raggiungono sempre risultati strabilianti, ma tramite alcuni test (in particolare quello di Campbell) e all’esperienza dell’allevatore è possibile capire alcuni tratti predominanti in ogni cucciolo, per fare un esempio un cucciolo che dimostra un’elevata empatia e un bisogno particolare di attenzione con tratti di sottomissione, sarà sicuramente più indicato per far compagnia ad anziani e bambini, viceversa un cucciolo più intraprendente con risultati negativi nei test di costrizione e sottomissione potrà invece essere utilizzato come cane da guardia.

A chi vorrebbe invece allevare questo genere di cani?

La risposta è semplice: metteteci sempre cuore e passioni e siate consapevoli che si tratta di un lavoro a 360° che richiede un grande sforzo giornaliero, che alla fine però porta sempre dei risultati.

Sito Ufficiale: https://www.dicasafalcone.com/
Email: info@dicasafalcone.com

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.