Home . Immediapress . Architettura e edilizia . Settef firma il Piano del Colore per l'isola di Pantelleria, ufficialmente adottato dal Comune per la gestione del patrimonio architettonico dell'isola

Settef firma il Piano del Colore per l'isola di Pantelleria, ufficialmente adottato dal Comune per la gestione del patrimonio architettonico dell'isola

ARCHITETTURA E EDILIZIA
Settef firma il Piano del Colore per l'isola di Pantelleria, ufficialmente adottato dal Comune per la gestione del patrimonio architettonico dell'isola

Il Piano del Colore dell’Isola di Pantelleria nasce dalla volontà congiunta dell’Amministrazione Comunale, con l’obiettivo di riqualificare il nucleo abitativo di Pantelleria Centro e delle borgate più importanti, e di Settef, che ha voluto cimentarsi con una Ricerca sulla riqualificazione Urbana attraverso il Colore

Il piano del colore di Pantelleria 2.0: di cosa si tratta

Lo scopo del Piano del Colore è quello di sviluppare e definire una tavolozza coerente con l’identità del luogo, che consenta di utilizzare liberamente un buon numero di colori facenti parte del clima cromatico locale esistente o progettato, rappresentante della storia e delle tradizioni locali.
Oltre alla tavolozza generale, nel Piano del Colore 2.0 adottato a Pantelleria, viene disciplinata l’attribuzione del colore dominante per gli edifici adiacenti o prospicenti al fine di evitare la presenza di un medesimo colore e garantire un contrasto cromatico rilevabile tra gli edifici stessi.
Il Piano contiene una tabella che riproduce le forme dei prospetti tipo più ricorrenti del territorio, denominate Modelli Percettivi e suggerisce soluzioni Allogative dei colori per rendere espressive le diverse tipologie critiche presenti sul territorio dell’Isola.
Il Piano disciplina l’uso dei colori dei serramenti, chiusure, portoni, ferri, tendaggi da sole, arredo urbano, manufatti e/o apparati di servizio, di ricovero e di stoccaggio. Per gli edifici più rappresentativi o critici viene raccomandato un progetto puntuale dei prospetti.

In sintesi il piano del colore è composto da:

- Tavolozza generale identitaria, che organizza i colori ordinandoli in gruppi e sequenze a seconda del piano di tinta, della chiarezza e della saturazione.
- Schema delle modalità distributive di assegnazione dei colori dei prospetti (alternanze cromatiche)
- Tabella di impatto percettivo delle tipologie edilizie presenti sul territorio di riferimento, tiene in considerazione tutto il costruito e non solo quello storico con particolare riferimento alle Periferie, le zone Industriali, le strutture del Terziario e della viabilità (ponti, viadotti, gallerie, muri di contenimento) e che spesso costituiscono le Porte della Città;
- Modelli allogativi di riferimento per le diverse tipologie edilizie presenti
- Discipline per l’attribuzione dei colori di serramenti, infissi, ringhiere, scale, recinzioni, tende da sole, rivestimenti di pietre, contorni delle finestre, cornici decorative e arredo urbano.

Piano del Colore: il lavoro svolto a Pantelleria

Il Piano Percettivo del Colore dell’Isola di Pantelleria nasce dalla volontà congiunta dell’Amministrazione Comunale, con l’obiettivo di riqualificare il nucleo abitativo di Pantelleria Centro e delle borgate più importanti, e Settef, che ha voluto cimentarsi con una Ricerca sulla riqualificazione Urbana attraverso il Colore. L’incarico di redigere il Piano è stato affidato allo Studio B&B dei Professori Aldo Bottoli e Giulio Bertagna.
Il lavoro, iniziato a maggio 2015 e conclusosi a ottobre 2016, si è svolto mediante una fase iniziale di analisi, necessaria per compiere i rilievi fotografici, raccogliere le testimonianze orali e scritte e rilevare i colori del costruito e dell’ambiente naturale. L’analisi di oltre 1600 scatti fotografici, 250 misurazioni colorimetriche, 5 volumi di storia di usi e memorie dell’Isola e testimonianze orali ha portato, a ottobre 2015, alla presentazione della prima bozza delle discipline, della tavolozza generale renderizzata e alla consegna delle stesure per la verifica e la costruzione delle armonie identitarie.
In questa fase si è svolto il confronto con i progettisti operanti sul territorio e la presentazione pubblica della prima bozza del piano del colore.
Grazie al lavoro di revisione, svolto con gli Uffici comunali preposti e progettisti, si è giunti alla definizione e consegna, a ottobre 2016, del piano definitivo, ufficialmente adottato da Pantelleria a novembre di quest’anno.

La collaborazione con i comuni: un tassello fondamentale per lo sviluppo e l’applicazione del Piano del Colore

Lo sviluppo e l’adozione del Piano del Colore di Pantelleria sono stati possibili solo grazie ad una amministrazione lungimirante, che ha desiderato e collaborato al progetto, nella consapevolezza che questo strumento è determinante per le sorti del territorio e della sua economia.

Salvatore Gino Gabriele, Sindaco di Pantelleria, spiega così la scelta di intraprendere il percorso del Piano Colore: “Ci siamo detti tante volte che il centro urbano del nostro capoluogo, le vie principali, le piazze, i vicoli della vecchia Pantelleria sono brutti. Arrivando con la nave, durante l’entrata in porto, trovi un contesto che ha bisogno di ritrovare la propria armonia, la propria identità e senti la necessità di forme e colori che ridiano decoro, che possano ricontestualizzare ciò che è cresciuto dagli anni 60 fino agli anni 80 senza una visione d’insieme, senza guardare a linee e forme e tanto meno ai colori. Con il piano colore prende forma una strategia d’intervento volta a rivalutare sia lo spazio fisico che quello percepito, i contenuti sociali e gli esiti antropici, quelli funzionali ed estetici. È occasione per dare avvio a interventi volti a difendere e promuovere il recupero del patrimonio naturale e indirizzare e sostenere quello edilizio con il chiaro intento di limitare l’arbitrio ed il degrado del tessuto connettivo nel rapporto territorio-società.” Conclude il Sindaco di Pantelleria.

“Molto spesso, quando si parla di pianificazione territoriale ed urbana, si è portati a focalizzare l’attenzione solo su quelli che appaiono essere i fondamenti di uno sviluppo del costruito.” afferma il Geom. Salvatore Gambino, Responsabile II° settore Comune di Pantelleria. “In realtà l’oggetto di intervento è costituito dall’insieme dei vincoli naturali, biologici, antropici quindi dai significati che vi attribuiscono abitanti e ospiti occasionali. Il risultato di questo studio così articolato confluisce in una serie di “indirizzi” cui attenersi. In tutto questo un ruolo fondamentale lo svolge il colore, solo apparentemente effetto di superficie. Questo piano colore che gli autori hanno siglato come 2.0 per indicarne la diversità rispetto a quelli predisposti fino a oggi, introduce aspetti prima non considerati. Aspetti che si configurano come strumenti in grado di supportare sia il progettista che gli uffici competenti."

Le soluzioni Settef proposte nel Piano del Colore di Pantelleria

Il piano del colore di Pantelleria, pensato anche come un aiuto concreto al Progettista, propone in un capitolo dedicato degli “interventi tipo” con soluzioni Settef, che possono essere adottati in fase di riqualificazione degli edifici.
In caso di necessità di preparazione o rifacimento totale o parziale di intonaci, vengono proposti sia i cicli a base di calce Cepro che i tonachini Settef (Silisettef, Silacryl, Ancorall). Per le decorazioni delle facciate, viene proposta sia la Calce Cepro 500 che il prodotto a base di silicato di potassio Silisettef Paint, il prodotto acrilsilossanico Silacryl, il prodotto silossanico Ancorall. Infine, il Piano prevede anche la riqualificazione energetica degli edifici mediante i sistemi a cappotto termico Thermophon di Settef.

I progetti realizzati a Pantelleria con le soluzioni Settef

Settef è presente a Pantelleria con il proprio partner Macotta di Patenè, e, grazie alla consulenza alla progettazione garantita da personale specializzato in loco, ha potuto realizzare interventi di primaria importanza sull’isola. Con una progettazione del colore, eseguita dallo Studio B&B Colordesign su incarico di Settef, sono stati eseguiti gli interni e gli esterni della Scuola Elementare di Khamma utilizzando all’esterno un Sistema di Isolamento Termico a Cappotto con pannelli isolanti in sughero Thermophon Natural, e all’interno smalti murali e pitture lavabili Settef. Il progetto è stato donato da Settef all’amministrazione Comunale per migliorare la percezione visiva e la vivibilità dei locali da parte di alunni e docenti.

Lo stesso metodo, su progetto dell’Ufficio Tecnico Comunale guidato dal Geometra Salvatore Gambino, è stato utilizzato per decorare internamente e restaurare le facciate della Scuola di Pantelleria Centro. Le scelte cromatiche, in linea con l’ambiente locale, hanno riguardato colori caldi della terra per gli esterni e il bianco e blu del cielo e mare dell’isola.

Anche in questo caso l’eccellente risultato evidenzia la qualità e la cura che Settef pone come obiettivo primario delle realizzazioni, con i materiali e i cicli di sua produzione.

Non solo scuole, anche l’esclusivo Resort Sikelia, un luogo senza tempo sinonimo di lusso e tranquillità, ha scelto per la protezione e decorazione delle facciate un rivestimento a Cappotto Settef Thermophon PV, con pannelli isolanti in EPS.

Anche alcune ristrutturazioni di Dammusi, nuovi edifici pluripiano nel Centro di Pantelleria e il Presidio Ospedaliero hanno visto l’impiego dei cicli Settef.

Per scaricare l’intero Piano Colore di Pantelleria, è possibile collegarsi a questa pagina: https://www.settef.it/download/piano-del-colore-pantelleria/

Qui è possibile vedere la fotogallery

Press Contact: Dott.ssa Daniela Origgi
Origgi Consulting - Ufficio Stampa
ufficiostampa@origgiconsulting.it
Mob. +39 347 1729113

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI