Home . Immediapress . Ict . Indagine Kaspersky Lab: un bambino su tre nasconde comportamenti rischiosi online ai propri genitori

Indagine Kaspersky Lab: un bambino su tre nasconde comportamenti rischiosi online ai propri genitori

ICT
Indagine Kaspersky Lab: un bambino su tre nasconde comportamenti rischiosi online ai propri genitori

In un mondo in cui Internet e i dispositivi connessi giocano un ruolo fondamentale, una grande parte della vita dei bambini è nascosta agli adulti. I genitori devono rispondere a una domanda difficile: come si può essere sicuri che i figli crescano in un ambiente sicuro e protetto senza intromettersi nella loro privacy? Dopotutto, un bambino lasciato solo a navigare su Internet potrebbe entrare in contatto con contenuti dannosi o inappropriati. Secondo un’indagine condotta da Kaspersky Lab e iconKids & Youth, il 36% dei bambini italiani, con età compresa tra gli 8 e i 16 anni, nasconde attività online potenzialmente pericolose ai propri genitori.

Più il bambino è grande, più ‘cose’ nasconde. All’età di 8-10 anni, solo un quarto (25%) dei bambini non informa i genitori di incidenti capitati su Internet, ma il numero aumenta al 45% per i teenager tra i 14 e i 16 anni. Molti genitori di bambini “taciturni” rimangono all’oscuro di quello che i propri figli fanno online. Più le attività sono pericolose, meno è probabile che i genitori ne vengano a conoscenza. Nel 100% dei casi in cui i ragazzi hanno nascosto attività come visitare siti non adatti, scaricare app o materiali illegali così come inviare o guardare video e foto inappropriati, i genitori non ne sono mai venuti a conoscenza. Inoltre, quasi tre adolescenti su quattro hanno nascosto ai propri genitori di essere entrati in contatto con persone inappropriate attraverso i social media.

I bambini, oltre a tacere i comportamenti online proibiti, cercano anche di aggirare il controllo dei genitori. Un bambino su quattro (25%) ha ammesso di averlo fatto, utilizzando anonymizer, password sui propri dispositivi di cui i genitori non sono a conoscenza, navigando online mentre i genitori sono assenti e cancellando la cronologia delle proprie attività su Internet, ecc. Inoltre, un bambino su undici (9%) utilizza programmi specifici che servono a nascondere le app utilizzate.

Al contempo, molti bambini affermano di non fare nulla per aggirare il parental control dei software. Infatti, circa tre quarti (72%) dei bambini trova d’aiuto che i genitori spieghino loro le minacce online a cui possono andare incontro, cosa che risulta essere molto utile ai genitori che vogliono proteggere i propri figli ovunque essi si trovino.

“L’educazione dei genitori ha un ruolo fondamentale nella protezione dei bambini su Internet. Se i bambini ritengono che i genitori siano in grado di spiegare i problemi a cui possono andare incontro, è molto più probabile che si confidino con loro. Per questo motivo è molto importante che i genitori siano più informati sulle minacce online, che aumentino la propria cyber-conoscenza e instaurino un rapporto di fiducia con i propri figli per far parte della loro vita, sia online che offline. Inoltre, una recente indagine effettuata dalla Commissione Europea dimostra che spesso sono i figli stessi a chiedere controlli da parte dei genitori per proteggere i fratelli minori”, ha dichiarato Janice Richardson, Senior Advisor di European Schoolnet.

“Le cure e la guida dei genitori non devono solo limitarsi al mondo reale perché oggi gran parte della vita dei bambini viene trascorsa online”, ha aggiunto Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. “Quando i genitori non sono presenti, possono proteggere i propri figli con soluzioni specifiche di parental control. Questi programmi non servono solo da scudo per i bambini contro siti pericolosi, app su computer fissi e dispositivi mobile, ma anche a rendere i genitori consapevoli dei rischi a cui i bambini vanno incontro. Questo serve come opportunità per avere con i propri figli una conversazione più focalizzata sulle minacce online”.

Per ulteriori consigli utili per proteggere i bambini su Internet, visitate il sito kids.kaspersky.com. Altre informazioni su una soluzione tecnica a queste problematiche sono disponibili su Kaspersky Safe Kids.

Informazioni su Kaspersky Lab
Kaspersky Lab è un’azienda di sicurezza informatica a livello globale fondata nel 1997. La profonda intelligence sulle minacce e l’expertise di Kaspersky Lab si trasformano costantemente in soluzioni di sicurezza e servizi per la protezione di aziende, infrastrutture critiche, enti governativi e utenti privati di tutto il mondo. Il portfolio completo di sicurezza dell’azienda include la miglior protezione degli endpoint e numerosi servizi e soluzioni di sicurezza specializzati per combattere le sofisticate minacce digitali in continua evoluzione. Più di 400 milioni di utenti sono protetti dalle tecnologie di Kaspersky Lab e aiutiamo 270.000 clienti aziendali a proteggere ciò che è per loro più importante. Per ulteriori informazioni: www.kaspersky.com/it.

Sala Stampa di Kaspersky Lab: http://newsroom.kaspersky.eu/it/

Seguici su:

https://twitter.com/KasperskyLabIT

http://www.facebook.com/kasperskylabitalia

https://plus.google.com/+KasperskyItKL

https://www.linkedin.com/kasperskylabitalia

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI