Home . Immediapress . Media e Pubblicita . ECCHR: Le espulsioni condotte dalla Spagna lungo i confini esterni della UE violano la Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo

ECCHR: Le espulsioni condotte dalla Spagna lungo i confini esterni della UE violano la Convenzione Europea sui Diritti dell'Uomo

MEDIA E PUBBLICITA

BERLINO e STRASBURGO, Francia, October 4, 2017 /PRNewswire/ --

Le autorità spagnole espellono in modo sistematico e spesso violento i rifugiati e i migranti al confine con il Marocco. Questa prassi consolidata di respingimento lungo i confini esterni dell'Unione Europea (UE) è illegale. Le espulsioni automatiche violano la Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo, come ha deliberato oggi la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) a Strasburgo.

La sentenza è giunta in risposta a due denunce contro la Spagna presentate alla CEDU nel febbraio 2015 da due rifugiati del Mali e della Costa d'Avorio grazie all'iniziativa e alla competenza dello European Center for Constitutional and Human Rights (ECCHR). La decisione della Corte afferma che le pratiche di respingimento messe in atto dalla Spagna lungo il confine tra Marocco e Spagna violano l'Articolo 4 Protocollo 2 (divieto di espulsioni collettive) e l'Articolo 13 (diritto a un rimedio efficace) della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell'uomo.

N.D. e N.T. (i cui nomi sono resi anonimi per motivi di protezione) attraversarono la barriera di confine a Melilla ed entrarono in Spagna il 13 agosto 2014. La Guardia Civil spagnolo li arrestò, letteralmente per "ricacciarli" immediatamente indietro in Marocco - senza accesso ad alcun tipo di procedure legali o protezione.

Le loro denunce sono supportate dallo ECCHR in collaborazione con Brot für die Welt e sono rappresentate dai legali cooperanti dell'ECCHR a Madrid e ad Amburgo. In altri procedimenti della CEDU, l'ECCHR supporta le denunce avanzate da rifugiati provenienti dalla Siria, dall'Iraq e dall'Afghanistan contro la loro espulsione illegale vicino a Idomeni sul confine greco-macedone.

"Il contenzioso contro la Spagna produce un effetto al di là del caso singolo. Stabilisce un precedente con l'obiettivo di rivendicare il diritto fondamentale per i rifugiati e i migranti di avere diritti," ha affermato il Segretario generale dell'ECCHR Wolfgang Kaleck. "La sentenza della CEDU chiarisce che il regime di frontiera spagnolo viola i diritti umani in quanto la Convenzione si applica anche ai confini esterni della UE."

Il legale cooperante dell'ECCHR Gonzalo Boye ha dichiarato: "Il governo spagnolo - in particolare il Ministro degli interni Juan Ignacio Zoido - deve agire subito e abrogare la legge sulla "Protezione della Sicurezza Pubblica" ("Ley de protección de la seguridad ciudadana")."

Contatto: Tel.: +49(0)172-587-0087, E-mail: bermejo@ecchr.eu

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI