Home . Intrattenimento . . Beni culturali: Franceschini, incentivi fiscali e convenzione-tipo per privati

Beni culturali: Franceschini, incentivi fiscali e convenzione-tipo per privati

'Investire nel nostro patrimonio deve essere una priorita''

"Vorrei introdurre una convenzione-tipo e incentivi fiscali per gli atti di liberalità di privati ed imprese nei confronti del recupero del nostro patrimonio storico ed artistico". Lo ha detto il ministro per i Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, in occasione della presentazione, al Mibact, della 57esima edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto che si svolgerà dal 27 giugno al 13 luglio.

"L'intervento pubblico nel settore della cultura, della tutela, del recupero e del restauro del nostro enorme patrimonio monumentale -ha proseguito Franceschini- non potrà mai essere sostituito dall'intervento dei privati, perché le dimensioni del nostro patrimonio sono tali che richiedono un forte investimento pubblico. Ma il contributo dei privati, specie in un momento di tagli alla spesa come questo, può essere determinante. Le porte vanno aperte per consentire un loro intervento".

Il titolare di via del Collegio Romano ha poi sottolineato che le potenzialità del settore della cultura "sono enormi. Investire nella nostra storia, nella nostra cultura e nella nostra bellezza deve essere una priorità assoluta. Non ho mai capito perché i governi di diverso colore che si sono alternati alla guida del Paese, non abbiano fatto diventare il ministero dei Beni culturali un punto centrale della nostra politica. Ma su che cosa dobbiamo investire in Italia- si è chiesto Franceschini- se non su ciò di unico ed inimitabile che abbiamo? Ma è possibile che non riusciamo a capire che, nel mondo globalizzato, avere un patrimonio come il nostro è una carta formidabile nella competizione? Camminiamo su un terreno di pepite d'oro e non le mettiamo a frutto" ha concluso il ministro.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI