Home . Intrattenimento . . Allestimenti hi-tech per le Gallerie dell'Accademia di Venezia

Allestimenti hi-tech per le Gallerie dell'Accademia di Venezia

Per l'Expo saranno inaugurate cinque sale multimediali grazie alla tecnologie e alla sponsorizzazione della Samsung.

Allestimenti hi-tech per le Gallerie dell'Accademia di Venezia

Nuovi allestimenti per le Gallerie dell'Accademia di Venezia. Cinque sale al piano terreno saranno attrezzate con tecnologie multimediali per rendere più fruibile ed immediato il percorso di visita. Il nuovo allestimento (Guarda le foto), frutto dell'intervento di Samsung con un contributo complessivo di 600mila euro per l'hardware e della collaborazione della Fondazione Venetian Heritage, consentirà di presentare le opere non ancora esposte e conservate nei depositi. L'operazione riguarda le prime sale, che saranno inaugurate per l'Expo di Milano dell'anno prossimo, del nuovo percorso museale che comprende un totale di 11 ambienti.

La Samsung ha già collaborato con i Musei Vaticani, il Museo della Scienza e della Tecnologia a Milano e i musei Capitolini di Roma. L'intervento consentirà di raddoppiare la superficie espositiva del primo piano, che passerà da 5mila a 10mila metri quadrati. "Parliamo - ha sottolineato il ministro dei Beni culturali e Turismo, Dario Franceschini, durante la presentazione dell'iniziativa al Mibact - di un intervento di grande rilevanza che consente di riaprire in occasione di Expo nuove sale dell'Accademia di Venezia, uno dei 18 musei che in base alla riforma avrà autonomia contabile, amministrativa e gestionale".

Dall'inizio dell'esperienza Renzi - ha aggiunto Franceschini - stiamo cercando di valorizzare tutte le forme di collaborazione tra pubblico e privato anche con l'art bonus. L'iniziativa consente di intervenire sia sull'apertura di nuove sale sia sulle attività multimediali che rendono più attraente la visita e più accessibile il museo. E' un fatto importante che spero serva come riferimento per altri donatori e per altre grandi aziende italiane o straniere che abbiano sede e lavorino in Italia per intervenire, anche con l'incentivo fiscale, sul nostro patrimonio".

Nei nuovi spazi delle Gallerie dell'Accademia troverà collocazione la grande pittura del Seicento, da Fetti a Strozzi, da Valentin de Boulogne a Baschenis, passando per Nicolas Regnier, Pietro da Cortona e Luca Giordano. Ad essere esposti saranno anche le opere della grande pittura settecentesca di respiro internazionale con Giambattista Tiepolo, Sebastiano Ricci e Rosalba Carriera, per concludersi con l'esperienza dei grandi accademici, in particolare Pietro Longhi e Francesco Hayez. Sarà proposta infine una sezione specifica nella gipsoteca dedicata ad Antonio Canova. Nel dettaglio le sale saranno dotate di tecnologie innovative che consentiranno ai visitatori di scoprire i capolavori conservati nel musei. Un'offerta particolare, in questo senso, sarà riservata agli studenti cui verranno offerti materiali didattici innovativi

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI