Home . Intrattenimento . Spettacolo . Biagio e Charlize Theron illuminano la seconda serata, Wurst sul palco nel finale

Biagio e Charlize Theron illuminano la seconda serata, Wurst sul palco nel finale

SPETTACOLO
Biagio e Charlize Theron illuminano la seconda serata, Wurst sul palco nel finale

(Infophoto)

Biagio Antonacci e Charlize Theron illuminano la seconda serata del Festival di Sanremo guidato da Carlo Conti, che sul finale vede l'esibizione del cantante drag queen Conchita Wurst, preceduta da polemiche da parte delle associazioni cattoliche.

L'attrice premio Oscar, che indossa un abito nero che le lascia scoperta la schiena, porta all'Ariston la sua playlist e dentro c'è anche Eros Ramazzotti. L'intervista di Carlo Conti è improntata anche nel caso della star hollywoodiana ai brani musicali a cui è più legata. Tre canzoni che vengono accennate dall'orchestra. L'attrice sceglie 'Free falling' di Tom Petty, 'Who's gonna ride your wild horses' degli U2 e, tra gli applausi dell'Ariston, 'Un'altra te' di Eros Ramazzotti. A proposito di quest'ultimo l'attrice racconta: "Avevo 17 anni, ero a Milano, era appena uscita questa canzone e si sentiva ovunque e mi ricorda quel bel periodo. Considero l'Italia la mia terza patria, dopo l'Amarica e il Sudafrica". Carlo Conti le chiede del compagno Sean Penn: "Io sono qui e lui sta a casa. Si sta occupando della casa". Poi il conduttore azzarda una domanda sul matrimonio e lei replica: "Mi piace l'idea di un rapporto duraturo ma l'idea dell'abito bianco non mi interessa. Per la storia giusta e importante però chi lo sa?". Poi un parere sulle canzoni del festival: "Qui sono tutti bravissimi. Grazie dell'invito, sono pronta a tornare quando volete". I l finale è per un siparietto sexy: "Tutti gli uomini italiani mi hanno chiesto di darti un bacio", dice Carlo Conti che poi la bacia e le consegna un mazzo di fiori.

Prima di Charlize Theron ,a scaldare il Teatro Ariston ci pensa Biagio Antonaci. Il cantautore milanese, per la prima volta a Sanremo in veste di superospite, entusiasma il pubblico esibendosi in un medley di alcuni dei suoi più grandi successi, "Se io se lei", "Dolore e forza", "Pazzo di lei" e "Sognami". Applausi a scena aperta per il cantautore milanese, che si esibisce insieme a quattro fisarmonicisti. In platea anche molti volti noti, tra cui Alba Parietti e Massimo Giletti, sorpresi a cantare dalle telecamere. Biagio dedica poi un omaggio a Pino Daniele cantando "Quando". Al termine della sua performance, il cantautore scambia sul palco qualche battuta con Carlo Conti, concludendo con un'esortazione alla speranza: "Ci riempiono la testa con l'amicizia, l'amore, ma la speranza è tutto -dice- non è l'ultima a morire, ma è la prima a nascere". Non convince invece l'Ariston la performance del comico Angelo Pintus, sulle cui battute gli applausi della platea stentano.

Per la seconda manche della sezione Big, nella seconda serata del festival gareggiano Nina Zilli, Marco Masini, Anna Tatangelo, Raf, Il Volo (VIDEO), Irene Grandi (VIDEO), Lorenzo Fragola, Biggio e Mandelli, Bianca Atzei, Moreno (VIDEO). Alla fine delle votazioni risultano a rischio di eliminazione Bianca Atzei, Biggio e Mandelli, Moreno e Anna Tatangelo.

Quanto alle tre vallette del festival, per la seconda serata Arisa conferma la predilezione per i fiocchi. Questa volta sul décolleté il fiocco è di pizzo e nero come tutto l'abito ma con una rosa bianca applicata. Mentre Emma sceglie il rosso e i capelli raccolti in uno chignon ("stasera sono vestita da Rocio", ironizza). Omaggio a Mango per il debutto danzante di Rocio Munoz Morales, fasciata in un abito color oro, che accenna un passo a due con Fabrizio Mainini mentre viene diffusa una registrazione di 'Lei verrà' con la voce del cantante lucano scomparso. Alla fine l'attrice spagnola si commuove.

Tra gli altri ospiti della serata per il gioco del 'tutti cantano Sanremo', il 'restaurant man' Joe Bastanich che accenna 'Quando, quando, quando' di Tony Renis, il campione di ciclismo Vincenzo Nibali (la cui canzone sanremese preferita è 'Pensa' di Fabrizio Moro). Simulazione di un 'classico' delle emergenze festivaliere, invece, per Luca Argentero e Claudio Amendola. Argentero minaccia di buttarsi dalla galleria se non gli trovano Amendola. Arrivano Amendola e Conti e lo dissuadono. Anche con loro Conti gioca a 'tutti cantano Sanremo': Amendola sceglie 'E dimmi che non vuoi morire', scritta da Vasco per Patty Pravo, mentre Argentero opta per 'Tutti i miei sbagli' dei Subsonica. Pino Donaggio, in occasione dei 50 anni del suo celeberrimo brano 'Io che non vivo' riceve una targa dal festival.

L'attesa e criticata (dagli ambienti cattolici) esibizione del cantante drag queen Conchita Wurst arriva intorno a mezzanotte. Dopo l'esecuzione di 'Heroes', Carlo Conti le chiede: "Quanto ti aiutato questa barba nella carriera?". "Certamente mi ha aiutato moltissimo", risponde il cantante austriaco, che all'anagrafe si chiama Thomas Neuwirth e che poi rivela di essersi tatuato sulla schiena il volto della madre.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI