Home . Intrattenimento . Spettacolo . Biggio e Mandelli senza Cochi e Renato: "Da Sanremo parte il nostro percorso infernale"

Biggio e Mandelli senza Cochi e Renato: "Da Sanremo parte il nostro percorso infernale"

Il duo comico, "dal festival parte il nostro nuovo percorso 'infernale', con un film e forse untour teatrale"

SPETTACOLO
Biggio e Mandelli senza Cochi e Renato: Da Sanremo parte il nostro percorso infernale

"Avevamo contattato Cochi e Renato quando abbiamo deciso di fare 'E la vita, la vita' nella serata delle cover. Loro sarebbero voluti essere qui stasera ma poi impegni concomitanti non lo hanno reso possibile". Biggio e Mandelli spiegano così il 'forfait' di Cochi Ponzoni e Renato Pozzetto, che inizialmente avrebbero dovuto essere ospiti dei due cantanti in gara a Sanremo nell'esecuzione del grande successo del 1974. "La verità -scherza Biggio- è che dopo aver visto l'esibizione di ieri ci hanno mollato". "Se ci siamo ispirati a loro per 'Vita di inferno'? Non ci abbiamo pensato. Certo -aggiunge Mandelli- sono artisti che ammiriamo, che ci hanno influenzato. Ma che a qualcuno sia venuto in mente un paragone del genere ci onora".

Il Sanremo da cantanti per il duo comico, che porta in gara il brano 'Vita d'inferno', è più duro di quello da ospiti comici, esperienza che hanno fatto tre anni fa nel festival condotto da Gianni Morandi. "Rispetto a quando siamo venuti qui da comici, ieri è stata più difficile. Quest'anno abbiamo deciso di metterci in gioco, in gara e di metterci la faccia. È bello sparigliare le carte. Ed è chiaro che speriamo di arrivare fino a sabato", dicono i due che alla fine della seconda serata del festival sono risultati tra i quattro artisti a rischio eliminazione. Quanto alla parolaccia, che nel testo sanremese era intuibile ma cassata e che ieri è sfuggita a Biggio nell'esecuzione sul palco, il comico spiega: "Non è stato volontario. L'avevamo provata mille molte e io non la pronunciavo. Poi probabilmente ieri sera l'emozione mi ha tradito. Ma ho subito chiesto scusa a Conti".

Biggio e Mandelli si sentono dei 'diversi' in gara: "Infatti volevamo esprimere solidarietà al bambino sovrappeso perché la sua diversità deve essere un valore come la nostra presenza al festival. Noi siamo diversi perché ci stiamo divertendo". I due hanno accantonato per il momento il progetto 'Soliti Idioti' per dedicarsi al progetto 'inferno': "Il 19 marzo uscirà il film 'La solita commedia - Inferno' e conterrà anche la canzonedel festiva. Un film appunto sulla vita d'inferno che tutti noi facciamo. Come sempre interpreteremo diversi personaggi. Poi forse sullo stesso tema faremo un tour teatrale. Insomma da Sanremo parte il nostro percorso infernale", concludono. (GUARDA LA VIDEOINTERVISTA)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.