Home . Intrattenimento . Spettacolo . Lucca Film Festival celebra Cronenberg con Gilliam, Cuaron, Garrone e Irons

Lucca Film Festival celebra Cronenberg con Gilliam, Cuaron, Garrone e Irons

Dal 15 al 22 marzo la kermesse in vari spazi dell’omonima cittadina toscana

SPETTACOLO
Lucca Film Festival celebra Cronenberg con Gilliam, Cuaron, Garrone e Irons

Saranno Terry Gilliam, Alfonso Cuarón, Matteo Garrone e Jeremy Irons gli ospiti dell’11ma edizione del 'Lucca Film Festival' che si terrà dal 15 al 22 marzo in vari spazi dell’omonima cittadina toscana e di Viareggio. A ogni ospite presente sarà dedicato un omaggio con proiezioni, serate di gala e lezioni di cinema. Il festival celebra il regista canadese David Cronenberg – impossibilitato a partecipare a causa di problemi personali ma presente via skype in vari appuntamenti – con una retrospettiva completa dei suoi lungometraggi, tre mostre e un concerto che riproporrà alcune delle sue più belle colonne sonore.

Tra gli eventi anche l’omaggio a Roberto Nanni, regista di cinema sperimentale; una giornata dedicata a Mario Monicelli (in occasione dei cento anni dalla nascita) e il consueto Concorso internazionale di cortometraggi. In programma, a chiusura del festival, 'Lucca Effetto cinema Notte', in cui la città diventerà un vero e proprio set cinematografico all’aperto. Gli eventi che si svolgeranno a Viareggio faranno parte delle iniziative di 'Europa Cinema' che da quest’anno è unito al Lucca Film Festival.

Sarà il regista e sceneggiatore britannico Terry Gilliam, noto per il suo ruolo all’interno del collettivo comico Monty Python, a inaugurare il festival domenica 15 marzo alle 21.00 presso il cinema Moderno di Lucca. Per l’occasione riceverà il premio alla carriera e sarà proiettato il suo ultimo film 'The Zero Theorem', con l’attore Premio Oscar Christoph Waltz. La serata sarà introdotta dal critico cinematografico Francesco Alò. Gilliam, lunedì 16 marzo alle ore 11.00 presso il Teatro del Giglio, terrà inoltre una lezione di cinema affiancato dal critico Francesco Alò e da Nicolas Condemi e Federico Salvetti (direzione artistica Lucca Film Festival e Europa Cinema).

Giovedì 19 marzo alle 21.00, sempre presso il Cinema Moderno sarà consegnato il premio alla carriera al regista messicano Alfonso Cuarón, autore di pellicole quali 'Gravity' e 'Y tu mamá también'. Seguirà la proiezione del suo 'I figli degli uomini', con Clive Owen e Julianne Moore. Introdurranno i critici cinematografici Andrea Fornasiero e Claudio Bartolini. Oltre a una retrospettiva dedicata ai lungometraggi del regista, venerdì 20 alle ore 11.00, presso il Teatro del Giglio sarà anche possibile assistere a una lezione di cinema da lui presieduta (prenderanno parte Nicola Borrelli, Alessandro Romanini, Andrea Fornasiero e Claudio Bartolini).

Premio alla carriera anche per Jeremy Irons: l’attore Premio Oscar lo ritirerà venerdì 20 marzo alle ore 21.00 presso il Cinema Moderno. A seguire la proiezione di “M.Butterfly”, uno dei due film di David Cronenberg di cui l’attore inglese è protagonista. Sabato 21 alle 11.00 Irons terrà una lezione di cinema presso il Teatro del Giglio, affiancato dal critico Claudio Carabba, Nicola Borrelli, Alessandro Romanini e Manrico Ferrucci, Direttore generale del Teatro del Giglio di Lucca. Alle ore 15.00 dello stesso giorno l’attrice Sinéad Cusack introdurrà il film “La promessa dell'assassino”.

Per le iniziative a Viareggio gli ospiti presenti saranno Francesco Munzi (venerdì 20 marzo, al cinema Centrale di Viareggio con il film “Anime Nere” e, sabato 21 marzo, alle ore 11, la lezione di cinema presso Villa Paolina) e Matteo Garrone che sarà al cinema Eden di Viareggio il 22 marzo, alle 20.30, per ricevere il premio alla carriera e presentare “L’imbalsamatore”. L’incontro sarà introdotto dal giornalista Gabriele Rizza e da Giulio Marlia (direzione artistica Lucca Film Festival e Europa Cinema). A Viareggio in programma anche l’omaggio a Monicelli: in occasione dei cento anni dalla sua nascita, martedì 17 marzo, presso il cinema Centrale, saranno proiettati due tra i suoi capolavori: “La grande guerra” (del 1959) e “I compagni” (del 1963).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI