Home . Intrattenimento . Spettacolo . Rai, Baudo: "La riforma non è cattiva ma al comando ci vogliono uomini coraggiosi"

Rai, Baudo: "La riforma non è cattiva ma al comando ci vogliono uomini coraggiosi"

"Bene ad con pieni poteri, spero in un uomo alla Bernabei, capace di delegare a persone competenti"

SPETTACOLO
Rai, Baudo: La riforma non è cattiva ma al comando ci vogliono uomini coraggiosi

ROMA 24 APRILE 2014 PRESENTAZIONE DI"SI PUO FARE"IN ONDA SU RAIUNO DA VENERDI 2 MAGGIO ALLE ORE 21 20 NELLA FOTO PIPPO BAUDO FOTO RAVAGLI/INFOPHOTO

"Il compito più difficile sarà scegliere chi pedala su questa bicicletta nuova e lucente". A parlare così del ddl di riforma della Rai varato ieri dal Cdm è il 'senatore' dei conduttori ed autori del servizio pubblico, Pippo Baudo. "La riforma per quello che ho letto -dice Baudo all'Adnkronos- non è cattiva: ha buoni propositi, con un Cda indicato in gran parte dal Parlamento e con un rappresentante dei dipendenti ma soprattutto con il nuovo ad con pieni poteri. Però il problema è sempre lo stesso: che tutto è bello sulla carta ma poi tutto marcia sulle gambe degli uomini".

"Il problema della Rai degli ultimi 15-20 anni è stato un susseguirsi di cambi di gestione condito con infornate di dirigenti di dubbia competenza. Per carità con le dovute eccezioni, ma si sono perse professionalità importanti e soprattutto il coraggio che è una dote che alberga solo in chi ha la competenza per assumersi responsabilità. Così per un direttore era più facile comprare un format all'estero o un programma a scatola chiusa all'esterno piuttosto che mettere in piedi una squadra di autori intorno ad idea o capaci di partorila un'idea. E così oggi capita di vedere che l'adattamento di un format è firmato da 15 autori. Ma stiamo scherzando? Così non si va da nessuna parte".

"Bernabei, che è stato un dg paragonabile ad un ammistratore delegato, seppe delegare a persone che aveva avuto cura e coraggio di scegliere bene. E da quella stagione uscirono dirigenti, autori e programmi con i fiocchi. Spero si faccia tesoro di quell'esperienza e si abbia la lucidità per esempio di creare una sorta di accademia degli autori, realmente impegnata nella creazione di idee originali da trasformare in numeri zero ed eventualmente da sviluppare. L'alternativa è la sopravvivenza di una Rai residuale ed elitaria, magari giustificata dalla cultura con C maiuscola, che fa il gioco della concorrenza perdendo pubblicità che andrà altrove".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.