Quando Richard Burton regalò a Liz Taylor il diamante perfetto

Esiste davvero il diamante perfetto, simbolo di ogni storia d'amore che si rispetti o è solo un'utopia? Dopo la vendita all'asta di Sotheby's di ieri sera che ha battuto per 22,1 milioni di dollari un diamante di 100 carati di taglio a smeraldo, non ci sarebbero dubbi. Eppure il connubio perfetto amore e diamanti non sarebbe tale senza la storia del celebre Taylor-Burton Diamond, un diamante con forma a goccia da 68 carati che Richard Burton acquistò nel 1969 per donarlo a sua moglie Elizabeth Taylor.

Il diamante Taylor-Burton, così ribattezzato dopo l'acquisto da parte dell'attore britannico, fu scoperto nella Primer Mine, una miniera del Sud Africa nel 1966. Si trattava di un diamante grezzo e incolore da 241 carati che fu tagliato dal famoso gioielliere americano Harry Winston, trasformandolo in un diamante da 69.42 carati a forma di pera.

Il diamante fu acquistato nel 1967 da Harriet Annenberg Ames, la sorella dell'editore statunitense Walter Annenberg, che a causa del peso eccessivo lo vendette durante un'asta a New York alla gioielleria Cartier per il prezzo record di 1.050.000 dollari. La maison francese montò poi il diamante su una collana di diamanti e gemme. Il giorno dopo l'asta, Richard Burton, che aveva cercato di aggiudicarsi invano il diamante, passò tutto il giorno al telefono per cercare di comprare il diamante da Cartier, senza curarsi del prezzo che avrebbero richiesto. Il diamante diventò suo il giorno seguente per 1.100.000 dollari.

Nel diario che teneva, Burton scrisse a proposito dell'acquisto: "Lo volevo perché era di una bellezza incomparabile e doveva appartenere alla donna più bella del mondo". Il gioiello fu nominato in seguito 'Taylor-Burton Diamond'. Solo l'anno precedente, l'attore aveva omaggiato sua moglie con il 'Krupp Diamond', un anello da 33.19 carati acquistato nel maggio 1968 al prezzo di 307.000 dollari.

Il diamante fu in seguito incastonato in un anello di platino composto da altri due diamanti su ogni lato. Tuttavia, Elizabeth Taylor lo trovava troppo pesante da indossare e così commissionò una collana dal valore di 80.000 dollari che potesse sostenere il peso del gioiello. La collana fu creata su misura seguendo il profilo del collo dell'attrice in modo da coprire la cicatrice dell'intervento di tracheotomia al quale si era sottoposta nel 1961.

Elizabeth Taylor indossò il diamante in pubblico solo due volte. La prima, in occasione della festa per i 40 anni della principessa Grace di Monaco, durante lo 'Scorpio Ball', un gala all'Hermitage Hotel di Monte Carlo e la seconda nel 1970 durante la 42esima edizione degli Oscar. Dopo il divorzio da Richard Burton, nel 1978, l'attrice vendette il diamante all'asta per cinque milioni di dollari, utilizzando parte del ricavato per finanziare la costruzione di un ospedale nel Botswana. Dopo essere stato acquistato dal gioielliere di New York Henry Lambert, il diamante è attualmente di proprietà del libanese Robert Mouawad, che lo ha fatto modificare con un peso finale di 68 carati. Oggi il diamante è conservato a Beirut in un museo di proprietà di Mouawad.