Stash esulta ma Maria avverte: "Questo Sanremo non s'ha da fare"/Video

di Antonella Nesi

Questo Sanremo non s'ha da fare. Si conclude con una dedica ai genitori e un siparietto con Maria De Filippi sull'ipotesi di una sua partecipazione a Sanremo 2016 la lunga nottata del vincitore della quattordicesima edizione di 'Amici'. "Dedico questa vittoria ai miei genitori perchè è grazie a loro che sono riuscito a fare tutto questo. Molte volte li ho visti rinunciare a comprarsi un giacchetto nuovo per potermi mandare a Londra a proporre il mio cd", ha detto Stash, leader di The Kolors, alla fine della una combattuta finalissima con Mattia Briga, che sembrava essere "il favorito del pubblico in studio" per stessa ammissione della conduttrice Maria De Filippi.

Dei suoi programmi per il futuro, Stash ha ammesso di sapere pochissimo: "Sono stato chiuso dentro alla 'casetta' del programma fino ad oggi, so solo che abbiamo due concerti in programma per il 10 e il 15 luglio. La verità? Da un lato una vacanza la farei molto volentieri, dall'altro vorrei fare un miliardo di concerti in tre giorni per continuare a proporre il nostro messaggio". Ma quando il ragazzo ha scherzato: "Mi tocca Sanremo, no?", è intervenuta con decisione Maria De Filippi: "Speriamo di no. Mi pare che abbiamo già dato in questi anni. Spero che tu non vada a Sanremo perchè canti in inglese e li invece dovresti cantare in italiano. Ho visto Elisa andare a Sanremo dopo anni per questo motivo. Togliti la soddisfazione di cantare in inglese. Quando avrai un pezzo italiano forte andrai a Sanremo. Basta con questa rottura di scatole che tutti quelli che escono da Amici devono andare a Sanremo. Ci andassero gli altri a Sanremo. Anche perchè ogni volta che i ragazzi di Amici vanno a Sanremo, se vincono è per il televoto, detto in senso dispregiativo. Se vincono altri, sempre con il televoto, è una figata. Per non parlare del ruolo della giuria di qualità. Quindi se per qualche anno non ci mettiamo piede è meglio. Non ce l'ho con Sanremo, nè con Conti, nè con Fazio, nè tantomeno con Bonolis, nè con la Rai. Detto questo, se Stash ci andrà lo guarderò e tiferò per lui, però preferirei non ci andasse". A quel punto il vincitore ha ironizzato: "In effetti pure io preferirei i Grammy".

In una sorta di conferenza stampa in notturna, tenutasi come da tradizione, al termine della finalissima, nella sala relax degli Mediaset di via Tiburtina, Stash ha ammesso che dopo aver appreso dei risultati ottenuti dal disco 'Out' (che ha ottenuto la certificazione oro in pochissimi giorni ed è primo in classifica da due settimane) ha cominciato a rendersi contro che "c'era una possibilità di vittoria".

Il 26enne di Caserta ha raccontato anche che a 'scoprirlo' e a consigliargli di presentarsi ad 'Amici' fu un paio di anni fa Francesco Sarcina, dopo averlo sentito suonare nel suo locale milanese. Dei suoi gusti musicali, Stash, che ieri si è aggiudicato anche il premio della critica assegnato da una giuria di giornalisti, ha detto: "Attualmente la band che ascolto di più si chiama 1975 (gruppo indie rock di Manchester nato nel 2012 e già molto affermato, ndr.), storicamente invece i miei preferiti sono indubbiamente i Queen".

Quanto al rapporto con Briga, con cui si è confrontato nell'ultima sfida, Stash ha assicurato: "Ci siamo scambiati gli auguri di vincere a vicenda. Per me non è un rivale, è una fratello. Poi magari scoprirò che ha detto cose orrende di me ma per me non è così", ha concluso. (GUARDA LA VIDEOINTERVISTA)