Home . Intrattenimento . Spettacolo . Roma, dialogo ecumenico in note tra luterani e cattolici

Roma, dialogo ecumenico in note tra luterani e cattolici

SPETTACOLO
Roma, dialogo ecumenico in note tra luterani e cattolici

Le chiese cristiane che la storia ha separato si ritrovano vicine attraverso la musica. Ad offrire l'occasione dell'incontro è il Festival Internazionale di Musica e Arte sacra di Roma che domani, nella Basilica di Santa Maria Maggiore di Roma alle 21, ha in programma un 'dialogo ecumenico a suon di note' tra il St. Jacob's Chamber Choir di Stoccolma, diretto da Gary Graden, per la Chiesa Luterana di Svezia, e la Cappella Musicale 'Sistina' diretta da Massimo Palombella, per la Chiesa Cattolica. Ad essere presentato sarà un concerto che alterna capolavori della polifonia romana ad alcuni esempi di composizione corale d'autori contemporanei.

La formazione svedese, applaudita in tutto il mondo, propone composizioni di polifonia sacra contemporanea che mettono in risalto le capacità virtuosistiche dei giovani cantori, che accompagnano regolarmente le liturgie alla St. Jacobs Kyrka (Chiesa di S. Giacobbe) e alla Storkyrkan, la Cattedrale di Stoccolma. Si tratta di alcuni estratti dal Concerto per Coro scritto nel 1984 da Alfred Schnittke, basato sul 'Libro delle Lamentazioni' del monaco armeno Grigor Narekatsi (951-1003).

A seguire, un movimento, 'Memento Creatoris tui' tratto dal Liber Ecclesiastes op. 49 di Michael Waldenby, compositore e organista svedese, commissionato dallo stesso Coro e il Credo per coro misto a cappella del vicentino Giovanni Bonato, brano con il quale ha vinto nel 2012 ha vinto la prima edizione del Concorso internazionale di composizione per un'opera di musica sacra 'F. Siciliani' indetto dalla Fondazione Perugia Musica Classica e dal Pontificio Consiglio della Cultura ed eseguita nell'ambito della Sagra Musicale Umbra.

La Cappella Sistina propone, invece, alcuni capolavori della polifonia della scuola romana e di canto gregoriano: l'inno per l'Avvento Rorate, c aeli, desuper, i tre mottetti di Palestrina 'Ad te levavi', 'Sicut cervus', 'Tu es Petrus', di Felice Anerio, 'Christus factus est', un'Ave Maria di Ludovico da Vittoria e, infine, il celeberrimo 'Miserere' di Gregorio Alleg

"Questo progetto - afferma Hans-Albert Courtial, presidente generale della Fondazione Pro Musica e Arte Sacra - che ci sta particolarmente a cuore, sostenuto dalla Fondazione Pro Musica e Arte Sacra, è promosso dal Coro della Cappella Musicale Pontificia ‘Sistina’ e dal suo direttore Massimo Palombella, per desiderio di Papa Benedetto XVI e ora di Papa Francesco".

"È stato così possibile, a partire dal 2011, - sottolinea Courtial - l’incontro del massimo coro vaticano con grandi cori appartenenti ad altre confessioni cristiane quali gli anglicani del Choir of Westminster Abbey nel 2012, il luterano Thomanerchor Leipzig nel 2013, l’ortodosso Coro Sinodale del Patriarcato di Mosca nel 2014 e, recentemente, il Choir of New College Oxford. Ogni anno lo scambio prevede generalmente due o più concerti congiunti a Roma o in Vaticano e nella sede istituzionale del coro cristiano che ha aderito al progetto, in occasione dei quali è possibile ascoltare la polifonia della scuola romana affiancata alle altre tradizioni corali cristiane".

"In questo ambito - prosegue Courtial - la Fondazione Pro Musica e Arte Sacra nel 2015 ha reso possibile il viaggio ecumenico in Inghilterra, a Oxford e Londra, del Coro della Cappella Musicale Pontificia 'Sistina' con un concerto in Westminster Abbey a Londra, e la visita del Choir of New College Oxford a Roma dal 26 al 29 giugno, con un concerto privato diretto da Robert Quinney affiancato dal coro della ‘Sistina’ diretto da Massimo Palombella nella magnifica cornice della Cappella Sistina nel Palazzo Apostolico".

"I due cori hanno anche animato musicalmente la Santa Messa in occasione della Solennità dei Santi Pietro e Paolo e della benedizione e imposizione dei Palli, presieduta da Papa Francesco", conclude Courtial.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI