Home . Intrattenimento . Spettacolo . Da 'Steve Jobs' al debutto dei The Pills, ecco le novità in sala /Video

Da 'Steve Jobs' al debutto dei The Pills, ecco le novità in sala

SPETTACOLO
Da 'Steve Jobs' al debutto dei The Pills, ecco le novità in sala /Video

Michael Fassbender nei panni di Steve Jobs/Youtube

E' la corsa all'Oscar di Michael Fassbender e Kate Winslet. E' la dodicesima fatica di Danny Boyle, regista di 'Trainspotting' e 'The Millionaire': da stasera 'Steve Jobs' è la grande novità nella sale italiane.

Basato sulla biografia autorizzata del fondatore di Apple scritta da Walter Isaacson, il film narra i trionfi e le cadute di un genio moderno. La sua passione e il suo ingegno sono stati il motore trainante dell'era digitale, anche a costo della sua salute e della sua vita privata. Ambientato nei backstage pochi minuti prima dei lanci dei tre prodotti più rappresentativi nell'arco della carriera di Jobs - partendo con il Macintosh nel 1984 e finendo con la presentazione dell'iMac nel 1998 - il film racconta il dietro le quinte della rivoluzione digitale, per tratteggiare un ritratto intimo dell'uomo geniale che è stato il suo epicentro.

Candidato all'Oscar come miglior film straniero, è pronto a sbarcare nelle sale 'Il figlio di Saul', esordio alla regia dell'ungherese László Nemes. Vincitrice del Gran Prix Speciale della Giuria al 68esimo Festival di Cannes, l'opera è ambientata nel 1944. Nel campo di concentramento di Auschwitz, Saul Ausländer (Géza Röhrig), prigioniero, è costretto a bruciare i corpi della propria gente nell'unità speciale Sonderkommando. Sente inevitabilmente il peso delle azioni che deve compiere, ma trova un modo per sopravvivere. Un giorno salva dalle fiamme il corpo di un giovane ragazzo che crede essere suo figlio e decide di cercare in tutto il campo un rabbino, che possa aiutarlo nel dargli una degna sepoltura.

In uscita anche il Leone d'Oro alla 72esima Mostra di Venezia 'Desde Allà', diretto dal venezuelano Lorenzo Vigas. Il film narra la storia di Armando, un uomo benestante di mezza età che adesca giovani grazie al suo denaro. Non vuole toccarli, ma solo guardarli da vicino. Ma Armando segue anche un uomo d'affari più anziano, con il quale sembra aver avuto una traumatica relazione. Il primo incontro di Armando con il teppista Elder è violento, ma ciò non scoraggia Armando perché è affascinato da questo adolescente, bello e prepotente, che lo va a trovare regolarmente per interesse. Tra i due nasce un'intimità inaspettata e quando il tormentato passato di Armando torna a farsi vivo, Elder decide di compiere un estremo atto di affetto per lui.

Dopo il successo delle webserie arriva l'esordio al cinema per i The Pills , trio comico romano formato da Luca Vecchi, Luigi Di Capua e Matteo Corradini. 'Sempre meglio che lavorare' racconta le difficoltà dei trentenni di oggi che non trovano lavoro, non riescono ad emanciparsi e di questo sono terribilmente affranti. Luigi, Matteo e Luca si conoscono dall'infanzia, hanno quasi trent'anni e nessuna intenzione di prendersi sul serio. Da anni sono paladini di una battaglia ideologica: immobilismo postadolescenziale costi quel che costi. E così, invece di star dietro a stage e colloqui di lavoro, preferiscono tirare a campare fumando sigarette, bevendo caffè e sparando idiozie attorno al tavolo della loro cucina alla periferia di Roma Sud. Ma il lavoro è un nemico duro, che colpisce alle spalle e cerca di farti crescere quando meno te lo aspetti. E allora bisogna essere disposti a tutto pur di salvarsi.

A due anni da '... e fuori nevica' torna dietro la macchina da presa Vincenzo Salemme , che arriva in sala con 'Se mi lasci non vale ', richiamo al brano composto nel 1976 da Gianni Belfiore e Luciano Rossi e portato al successo da Julio Iglesias. Vincenzo (Salemme) e Paolo (Paolo Calabresi), entrambi lasciati dalle proprie compagne, una sera si incontrano per caso, si riconoscono nella loro identica condizione e subito fanno amicizia. Tuttavia la delusioni amorose continuano a bruciare come il primo giorno, finché Vincenzo non ha l'illuminazione: l'unico modo per smettere di star male e voltare pagina è la vendetta! I due escogitano un piano machiavellico ai danni delle loro ex e ad aiutarli nell'impresa farà il suo ingresso in scena Alberto, un teatrante sui generis...

Da segnalare anche l'uscita di 'Piccoli brividi' di Rob Letterman e di 'Il paese dove gli alberi volano - Eugenio Barba e i giorni dell'Odin' di Davide Barletti e Jacopo Quadri. Il primo narra la storia dell'adolescente Zach Cooper (Dylan Minnette) che si trasferisce a New York e conosce per caso R.L. Stine (Jack Black), autore della celebre serie di libri per ragazzi. Presentato a Venezia 72, il film del duo Barletti-Quadri descrive invece la figura rivoluzionaria di Eugenio Barba in occasione del cinquantesimo anniversario della sua compagnia, l'Odin Teatret.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.