Home . Intrattenimento . Spettacolo . Il 2017 di Medusa senza Zalone ma con tanta commedia

Il 2017 di Medusa senza Zalone ma con tanta commedia

SPETTACOLO
Il 2017 di Medusa senza Zalone ma con tanta commedia

Una scena da 'Il GGG - Il Grande Gigante Gentile' di Steven Spielberg

Medusa archivierà fra poche settimane un anno più che positivo, con il sigillo finale del doppio Biglietto d'Oro, ai suoi 'Quo Vado?' e 'Perfetti sconosciuti', ciliegina su una torta che proprio in Checco Zalone ha avuto il suo punto di forza con gli oltre 65 milioni di incasso e 9 milioni di presenze di 'Quo vado'. Per il 2017 poi il listino è quasi totalmente italiano e in gran parte all'insegna della commedia, senza Zalone però che dovrebbe tornare sugli schermi a inizio 2018, con un film ancora tutto da impostare. "Sarà difficile realizzare un 2017 migliore del 2016 ma ce la mettiamo tutta", afferma Giampaolo Letta, vicepresidente e amministratore delegato di Medusa Film. "Zalone ci ha portato risultati che sono 'fuori quota' per gli standar del cinema in Italia -sottolinea Letta dialogando con l'AdnKronos- e 'Perfetti sconosciuti' di Paolo Genovese è stato il film evento dell'anno: ci credevamo ma non potevamo immaginare il successo che ha avuto, sia in patria sia all'estero".

"Complessivamente 'Perfetti sconosciuti' sarà visto in oltre 50 Paesi e in molti di essi, come Spagna, Germania, Francia, Cina e Usa, realizzeranno delle versioni 'nazionali' del film di Genovese. Non capita di frequente -rivendica Letta- che una pellicola italiana venga venduta così bene all'estero ed è ancora più raro che venga 'copiata' in maniera così diffusa e tempestiva". Negli accordi con i produttori esteri che vogliono 'nazionalizzare' il film "chiediamo sempre la distribuzione in Italia della loro versione e quasi sempre dovremmo ottenerla", aggiunge Letta. Insomma si potrebbe arrivare, nel 2018 più che a fine 2017 a una fioritura sui nostri schermi di cloni stranieri di 'Perfetti sconosciuti'. Intanto incombe il Natale e Medusa lo affronta con 'Fuga da Reuma Park', nuovo titolo di Aldo, Giovanni e Giacomo: "Sono orgogliosi e fieri della loro ultima fatica, l'ennesima -ricorda Letta- realizzata con noi dal lontano 'Tre uomini e una gamba' del 1997. La loro 'Fuga da Reuma Park' è doppiamente natalizia, oltre che per l'uscita per l'ambientazione appunto durante la notte di natale, come già è stato per 'La banda dei Babbi Natale'"

"A fine anno, il 30 dicembre saremo nella sale con il nuovo film di Steven Spielberg 'Il GGG - Il Grande Gigante Gentile' da Roald Dahl, tra il fantasy, il favolistico e il fantastico, con atmosfere da 'Il Signore degli Anelli'", prosegue Letta. Proprio il film di Spielberg è, per ora, l'unica produzione non italiana nel listino Medusa per il 2017: "Si, nel prossimo anno ci concentriamo sul cinema italiano anche se, ovviamente, per la seconda metà del 2017 arriveranno altre produzioni, ma con più attenzione all'Europa che agli Usa", anticipa Letta. "Nel 2017 partiamo con 'L'ora legale' di Ficarra e Picone, una commedia molto divertente ma amara, con risolti 'civili' e uno spaccato dell'Italia che farà discutere. Subito dopo, a metà febbraio, uscirà il politicamente scorretto 'Mamma o papa?' di Riccardo Milani, con Paola Cortellesi e Antonio Albanese a formare una straordinaria coppia comica - racconta Letta - due genitori che vogliono scaricarsi reciprocamente i figli per rifarsi una vita più agevolmente".

"A marzo torna Maccio Capatonda, dopo 'Italiano medio', con il suo 'Omicidio all'Italiana' dove prende in giro il circo mediatico, la spettacolarizzazione, il turismo macabro connessi ai grandi casi di cronaca, il tutto partendo da un evento criminoso in un piccolo Paese del Molise", elenca ancora Letta. "A metà marzo, in corrispondenza dei Mak P 100, a cento giorni dall'inizio degli esami di maturità, 'Classe Z' di Guido Chiesa racconta di una classe di fannulloni che si salva in corner da una maturità disastrosa, grazie a un professore molto particolare, stile il Robin Williams di 'L'attimo fuggente'", aggiunge Letta. Ancora in lavorazione i titoli per il resto della stagione, come 'Riccardo va all'inferno' di Roberta Torre, il debutto della coppia comica Pio & Amedeo che non ha ancora un titolo definitivo, le 'Dieci mosse per essere felici' con Nuzzo e Di Biase e, a fine anno il nuovo Paolo Genovese, 'Il primo giorno della mia vita' che è in fase di scrittura. Poi tornerà Zalone, nella prima metà del 2018.

"Non sono citati ma avremo nel nostro listino anche il nuovo film di Fausto Brizzi, il prossimo di Ficarra e Picone e quello nuovo di Edoardo De Angelis, dopo 'Indivisibili'", sottolinea Letta che, nell'illustrare il listino Medusa calca spesso sui contenuti, gli accenti anche sociali, civili di molti film. Ma una pellicola che abbia come carattere di fondo quello dell'impegno civile latita dai listini 2017, compreso quello di Medusa. "Molto di sociale, di civile si trova nell'offerta televisiva, che ormai segue gli utenti sui vari dispositivi da cui è fruibile, lo stesso avviene con una sempre più ampia attenzione, fruizione, dei documentari -spiega Letta- La nostra aspirazione è riuscire a fare commedia all'italiana nel senso più stretto, quella di una volta che affrontava temi scottanti con i toni della commedia. Un cinema di diretto impegno civile mi piacerebbe moto farlo ma è difficile lanciarsi in questa avventura. Ammetto che forse da parte dei produttori c'è un po' di pigrizia".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI