Home . Intrattenimento . Spettacolo . Al Quarticciolo in scena Ascanio Celestini con 'Radio Clandestina' sull'eccidio delle Fosse Ardeatine

Al Quarticciolo in scena Ascanio Celestini con 'Radio Clandestina' sull'eccidio delle Fosse Ardeatine

da domani (unica replica il 24 marzo) in scena l'attore, drammaturgo e regista Ascanio Celestini

SPETTACOLO
Al Quarticciolo in scena Ascanio Celestini con 'Radio Clandestina' sull'eccidio delle Fosse Ardeatine

Ritorna domani a Roma, al Teatro Biblioteca Quarticciolo 'Radio Clandestina' firmato dall'attore e regista Ascanio Celestini per ricordare l’eccidio delle Fosse Ardeatine. La pièce è tratta dal libro, 'L’ordine è già stato eseguito'. Alessandro Portelli ha raccolto e rielaborato centinaia di testimonianze legate alla tragedia delle Fosse Ardeatine, l’episodio forse più emblematico della barbarie nazista in Italia. Unica replica il 24 marzo.

Celestini è partito dal libro di Portelli, ma è andato ben oltre. Ha saputo restituire la complessità delle memorie e la molteplicità delle voci all'interno di un monologo scarno e tagliente, che è un miracolo di sveltezza e di profondità. Lo spettacolo, con le musiche originali di Matteo D’Agostino, è un appuntamento del 'Calendario Civile', curato dall’Associazione Culturale Circolo Gianni Bosio e Fabbrica.

Il 23 marzo 1944 i Gruppi d’Azione Patriottica attaccano una colonna tedesca di polizia in Via Rasella. Il 24 marzo per rappresaglia i nazisti uccideranno 335 persone in una cava sulla via Ardeatina.

''Sembra una storia che inizia un giorno e termina due giorni dopo, che si consuma in poche ore - ha raccontato Ascanio Celestini- Ma nel libro 'L’ordine è già stato eseguito' di Alessandro Portelli, vincitore, tra l'altro, del Premio Viareggio, questa storia di poche ore è inserita all'interno dei 9 mesi di occupazione nazista a Roma, all'interno dei 5 anni di guerra, a 20 anni del fascismo''.

Il libro si fonda su circa 200 interviste a singole persone a testimoniare che l'eccidio delle Fosse Ardeatine è ancora qualcosa di vivo e riconoscibile nella memoria di un’intera città. Per i romani ha segnato il momento più tragico dell’occupazione nazista. Molte le casualità legate allo spettacolo interpretato da Ascanio Celestini. ''Durante il mio lavoro - ha spiegato ancora - ho incontrato persone indirettamente legate a quell'eccidio''.

''Non è difficile, infatti, capire che 335 morti alle Ardeatine hanno alle spalle centinaia di famiglie, migliaia di persone - ha proseguito- Eppure la storia di questo eccidio è conosciuta sempre al contrario. Quasi tutti sanno che i nazisti subito dopo l’attentato partigiano di via Rasella, mandarono in giro per Roma centinaia di comunicati, sui manifesti, sui giornali e alla radio''.

''Ma visto che i partigiani non si presentavano, risposero al loro silenzio uccidendo 10 italiani per ogni tedesco morto - ha ricordato ancora l'attore e regista- È una storia che sanno tutti anche se è una grande menzogna e questo per ammissione degli stessi tedeschi''.

''Il racconto della lotta partigiana e dell’occupazione nazista a Roma viene spesso raccontata in maniera confusa, ma soprattutto l’eccidio delle Ardeatine e l’azione di via Rasella che lo precedette - ha concluso -Sono ormai parte di un mito negativo. Attraverso il mio spettacolo ho provato a raccontare la verità''.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI