Home . Intrattenimento . Spettacolo . Sal Da Vinci: "Salviamoci, siamo con la testa sui tablet"

Sal Da Vinci: "Salviamoci, siamo con la testa sui tablet"

SPETTACOLO
Sal Da Vinci: Salviamoci, siamo con la testa sui tablet

Sal Da Vinci ospite di 'Adnkronos Live'

"Siamo affetti dalla 'sindrome dello sguardo basso'. Sempre con la testa proiettata sui tablet e sui cellulari, non ci gustiamo la vita che ci gira intorno, o facciamo fatica: siamo prigionieri". A dirlo è Sal Da Vinci, nel corso di una chiacchierata in diretta su 'AdnKronos Live' ha spiegato da cosa nasce il titolo del suo album 'Non si fanno prigionieri'', che vanta la direzione artistica di Renato Zero. "La vita -ha detto il cantante partenopeo- è una cosa talmente speciale, c'è tanta gente che la perde e che soffre e che vorrebbe una vita migliore. Noi che ce l'abbiamo siamo prigionieri di una cosa che abbiamo tra le mani e che niente ha a che fare con la vita reale".

L'artista, nato a New York 46 anni fa, sta promuovendo l'album in giro per l'Italia ed è nel frattempo impegnato nella preparazione di un progetto teatrale che lo vedrà di nuovo protagonista, la prossima stagione, dello spettacolo di successo 'Italiano di Napoli', scritto a quattro mani con Alessandro Siani.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI