Arrestato Luis Miguel, nel 1985 arrivò secondo a Sanremo con 'Noi, ragazzi di oggi'

Luis Miguel, la star del pop messicana classe 1970 che ha al suo attivo oltre 100 milioni di album venduti nel mondo, è stato trattenuto in stato di arresto a Los Angeles per alcune ore. La detenzione per il cantante è scattata a causa del suo rifiuto a comparire in tribunale per una causa per violazione di contratto intentatagli dal suo ex manager William Brockhaus che vorrebbe un risarcimento di oltre un milione di dollari. In Italia Luis Miguel ebbe un notevole successo nel 1985 quando, a soli quattordici anni, arrivò secondo al Festival di Sanremo con una canzone scritta da Toto Cutugno, 'Noi, ragazzi di oggi'.

Miguel si era già rifiutato di comparire in tribunale, per la stessa vicenda, in tre occasioni precedenti, senza riuscire a giustificare la sua assenza. Per questo il tribunale ha emesso un mandato di arresto al fine di costringerlo a venire in aula. La star messicana è stata rimessa in libertà, dopo aver pagato una cauzione di un milione di dollari secondo media locali, e l'udienza cui dovrà comparire è stata fissata per l'11 maggio.

Nei primi anni della sua carriera Miguel ha vinto quattro Latin Grammy Awards e cinque Grammy Awards; è l'unico artista latino ad avere due album in lingua spagnola certificati disco di platino negli Usa; è uno dei pochissimi artisti ad avere avuto un proprio album certificato oro e poi platino contemporaneamente in quattro paesi, tra cui gli Usa, a soli tre giorni dall'uscita; impressionanti i numeri dei suoi tour, con il record nel suo tour del 2005/2007 'Messico En La Piel': 124 concerti, oltre 1,4 milioni di spettatori, un incasso di più di 95 milioni di dollari.