Home . Intrattenimento . Spettacolo . Via libera al Museo del Neorealismo, sorgerà a Fondi

Via libera al Museo del Neorealismo, sorgerà a Fondi

SPETTACOLO
Via libera al Museo del Neorealismo, sorgerà a Fondi

Il Museo del Neorealismo si farà. Il Consiglio regionale del Lazio, nella seduta notturna del 5 agosto, ha approvato la norma che istituisce a Fondi, nel complesso dell'ex convento di San Domenico, il Museo del Neorealismo. La decisione, approvata all'unanimità su iniziativa dei consiglieri Giuseppe Simeone del gruppo Forza Italia ed Enrico Forte del gruppo PD, è giunta a distanza di un anno dalla battuta di arresto che colpì la prima iniziativa della Giunta regionale, naufragata in commissione bilancio. "Ma in questo anno, alcuni comuni e le province di Frosinone e Latina, con deliberazioni unanime dei loro consigli - spiega l'avvocato Virginio Palazzo, consigliere delegato dell'Associazione 'Giuseppe De Santis', da sempre in prima linea per la creazione del Museo - hanno chiesto con forza di riprendere l'iniziativa e portarla a soluzione positiva".

Il Museo del Neorealismo fu una proposta che "Tullio Kezich avanzò nel 2007, a dieci anni dalla morte di Giuseppe De Santis - ricorda Palazzo - ed è stata sostenuta da Carlo Lizzani ed Ettore Scola, ripresa poi, dopo la scomparsa dei due registi, da Giuliano Montaldo, Gianni Amelio e Mario Martone, responsabili dell'Associazione. E' un evento di grande rilievo nel panorama della cultura cinematografica e non solo italiana e internazionale, con un valore simbolico perché realizzato in un territorio periferico (il Lazio meridionale) dove sono nati e vissuti protagonisti della letteratura (Libero de Libero, Tommaso Landolfi, Giuseppe Bonaviri), del cinema (Vittorio De Sica, Giuseppe De Santis, Carlo Ludovico Bragaglia, Marcello Mastroianni, Nino Manfredi), di pittura e scultura (Domenico Purificato, Umberto Mastroianni)". Il Museo sarà un luogo di studio e divulgazione, con particolare attenzione verso le giovani generazioni alle quali far conoscere la straordinaria temperie culturale che, a cavallo della seconda guerra mondiale, realizzò capolavori riconosciuti in tutto il mondo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI