Home . Intrattenimento . Spettacolo . 'Gomorra' guida l'Italia nella svolta VR della Mostra di Venezia

'Gomorra' guida l'Italia nella svolta VR della Mostra di Venezia

SPETTACOLO
'Gomorra' guida l'Italia nella svolta VR della Mostra di Venezia

L'ingresso di Venice Virtual Reality sull'isola del Lazzaretto Vecchio

(Dall'inviata Antonella Nesi) - Immaginatevi di immergervi nelle location più iconiche della serie Tv 'Gomorra', di potervi muovere in quegli ambienti a 360 gradi, guidati da alcuni dei personaggi più importanti di questa fiction, come Ciro (Marco D’Amore), Genny (Salvatore Esposito) e Malamò (Fabio De Caro). Proprio come se foste anche voi all'interno della scena. È quello che accade allo spettatore di 'Gomorra VR – We own the street', una volta che si è seduto su una sedia girevole ed ha indossato il visore. 'Gomorra VR', che traghetta il pubblico dalla seconda alla terza serie della 'gangsta-fiction' Sky venduta in mezzo mondo, è l'unico titolo italiano tra le 22 opere in concorso nella nuova sezione della Mostra del Cinema di Venezia: 'Venice Virtual reality', che ospita installazioni e cortometraggi che utilizzano varie tecniche di realtà virtuale e aumentata.

Per realizzare 'Gomorra Vr', il team produttivo di 'Gomorra – La serie' ha lavorato insieme al team specializzato Sky VR nel Regno Unito, guidato dall’executive producer Neil Graham. Il risultato è notevole, con la sensazione di camminare davvero dentro la scena, non proprio tranquillizzante, in cui si muovono le famiglie della camorra in lotta tra loro nella fiction venduta finora in ben 190 Paesi.

Completamente nuova per la Mostra anche la sede utilizzata per Venice Virtual reality: l'isola del Lazzaretto Vecchio di fronte alla sponda lagunare del Lido, le cui strutture, nate nelle loro parti più antiche intorno al XIII secolo, tornano a vivere grazie ad un lungo lavoro di restauro ed ospitano le tecnologie più avanzate in termini di intrattenimento visuale. La Mostra di Venezia si pone così all'avanguardia rispetto agli altri grandi festival con la prima sezione competitiva dedicata esclusivamente a queste forme d'arte, che verranno esaminate e premiate da una giuria presieduta dal mitico regista dei Blues Brother John Landis, dalla sceneggiatrice e regista francese Céline Sciamma e dall’attore e regista italiano Ricky Tognazzi. I Premi previsti sono: Miglior Film VR, Gran Premio della Giuria VR, Premio per la Migliore Creatività VR.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI