Home . Intrattenimento . Spettacolo . 'Caniba', a Venezia il film scandalo che non fa scandalo

'Caniba', a Venezia il film scandalo che non fa scandalo

SPETTACOLO
'Caniba', a Venezia il film scandalo che non fa scandalo

(AdnKronos/Cinematografo.it) - Arriva l'annunciato film scandalo di Venezia 74, 'Caniba'. Ovvero, come ti cucino a fuoco lento il cannibale, focalizzando l'attenzione sulla relazione malata tra Issei Sagawa e il fratello Jun.

Issei, allora 32enne studente alla Sorbona, venne arrestato il 13 giugno 1981 mentre nel laghetto di Bois de Boulogne cercava di liberarsi di due valigie contenenti i resti putrefatti di una sua compagna di studi, l’olandese Renée Hartevelt. L’aveva assassinata, con un colpo di pistola alla nuca, due giorni prima, quindi l’aveva stuprata e poi mangiata parzialmente, partendo dal gluteo destro. Dichiarato insano di mente e inabile a sostenere un processo, venne estradato in Giappone due anni dopo: il 12 agosto 1985 è uscito dall’ospedale psichiatrico.

E’ 'Caniba', diretto dai registi-antropologi Verena Paravel e Lucien Castaing-Taylor, in cartellone agli Orizzonti di Venezia 74. Il focus è sul rapporto tra Issei, che tornato in patria ha fatto l’attore in film porno, nonché ha realizzato un manga sulla sua impresa antropofaga, e Jun, che a sua volta cerca da una vita di infliggersi il dolore perfetto con filo spinato, coltelli, pungoli e spilli. Insomma, due fratelli coltelli, cui i due registi cercano di rendere giustizia, cercando un controcampo filosofico, perfino etico alle pulsioni cannibali di Issei. Ma il doc più che scandaloso, anche per le scelte di regia che ricorrono a close up e fuori fuoco, risulta poco intellegibile e parcellizzato.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI