Home . Intrattenimento . Spettacolo . Pochi applausi per l'utero in affitto di Riso in gara a Venezia

Pochi applausi per l'utero in affitto di Riso in gara a Venezia

SPETTACOLO
Pochi applausi per l'utero in affitto di Riso in gara a Venezia

Secondo film italiano in concorso oggi alla Mostra del Cinema di Venezia. Si tratta di 'Una Famiglia' di Sebastiano Riso, interpretato da Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel, in cui il regista affronta il controverso tema dell'utero in affitto. Il film ha ricevuto un'accoglienza molto tiepida nelle due proiezioni in anteprima per la stampa . La fine della prima proiezione delle 8.30 nella Sala Grande del Lido del film, interpretato da Micaela Ramazzotti e Patrick Bruel. è stata accolta da un brevissimo applauso e da un isolato 'buuu'. La seconda proiezione alle 11 in sala Darsena, più affollata della prima, ha ottenuto ugualmente un breve applauso ma anche qualche ironica risata su un paio di momenti drammatici del film.

In concorso attesi anche 'Three billboards outside ebbing, Missouri', commedia noir, diretta dal regista premio Oscar Martin McDonagh e interpretata da Frances McDormand, Woody Harrelson e Sam Rockwell, accolta con entusiasmo e lunghi applausi nella proiezione in anteprima per giornalisti e critici. In concorso oggi anche 'Ex Libris', il documentario di Frederick Wiseman sulla New York Public Library.

Fuori concorso arriva invece un vero e proprio regalo per gli amanti delle nuove tecnologie cinematografiche e per i fan di Michael Jackson: 'Michael Jackson’s Thriller 3D' di John Landis, applauditissimo ieri sera nell'anteprima stampa. Il regista di 'The Blues Brothers' e del videoclip originale del 1983 ha utilizzato il negativo della pellicola originale 35 mm per procedere ad una conversione 3D del celeberrimo video con gli zombie e con una delle scene di ballo più iconiche della storia della storia dei videoo musicali, con l’aiuto delle più recenti tecnologie disponibili. Il risultato è strabiliante ed è destinatoo a mandare in visibilio i fan di Jacko.

Per Orizzonti è invece in programma il film più disturbante del festival, per stessa ammissione di Barbera: 'Caniba', il doc in cui i registi ed antropologi francesi Verena Paravel e Lucien Castaing-Taylor, forniscono un ritratto senza filtri del 'cannibale della Sorbona', il giapponese Issei Sagawa, che nel giugno del 1982, uccise e mangiò a Parigi la sua compagna di studi olandese Renee.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI