Home . Intrattenimento . Spettacolo . In scena all'Auditorium Conciliazione 'Fractus V' firmato dal coreografo Sidi Larbi Cherkaoui

In scena all'Auditorium Conciliazione 'Fractus V' firmato dal coreografo Sidi Larbi Cherkaoui

Domani in scena per Romaeuropa Festival all'Auditorium Conciliazione con il Royal Ballet Flanders

SPETTACOLO
In scena all'Auditorium Conciliazione 'Fractus V' firmato dal coreografo Sidi Larbi Cherkaoui

'Fractus V' firmato dal regista e coreografo Sidi Larbi Cherkaoui in scena all'Auditorium Conciliazione

'Fractus V' segna il ritorno, domani, del coreografo e danzatore Sidi Larbi Cherkaoui a Romaeuropa Festival. Il conflitto tra informazione e manipolazione è il tema della coreografia, nata dall’incontro con le parole del linguista e filosofo Noam Chomsky. A incarnarle sulla scena, oltre lo stesso Cherkaoui, quattro danzatori dalla provenienza geografica e dal background diversissimo e un gruppo altrettanto nutrito di musicisti, per ibridare percussioni giapponesi, sonorità coreane, voci congolesi e sarod indiano.

Quanto è realmente neutro il nostro pensiero? E quanto ci sentiamo parte in causa delle attuali ingiustizie sociali? Cherkaoui continua quella ricerca permeata dal desiderio di commistione culturale che, da un iniziale percorso nel collettivo Les Ballets C de la B di Alain Platel, lo ha infine imposto all’attenzione internazionale come uno dei nomi più celebri della danza contemporanea.

Oggi direttore artistico della Royal Ballet Flanders, continua a essere un incessante esploratore di geografie, discipline e culture. 'Fractus V' (si replica il 27 ottobre) è un nuovo affondo nelle modalità di comunicazione della società contemporanea e, al contempo, un altro tentativo di reinventare la propria identità.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI