Home . Intrattenimento . Spettacolo . Rai1 fa 'Prodigi' per l'Unicef, giovani talenti in gara e storie vere

Rai1 fa 'Prodigi' per l'Unicef, giovani talenti in gara e storie vere

SPETTACOLO
Rai1 fa 'Prodigi' per l'Unicef, giovani talenti in gara e storie vere

Ci sono vari modi per fare servizio pubblico, 'Prodigi - la musica è vita', è uno di questi. E' il titolo della serata Unicef condotta da Flavio Insinna e Anna Valle che andrà in onda sabato 18 novembre in prime time su Rai1 per raccogliere i fondi con i quali l'associazione ormai veterana sta provvedendo all'assistenza dei bambini in tutto il mondo, soprattutto nei luoghi di crisi.

Nove giovanissimi talenti nella danza classica, nel canto lirico e nella musica classica, tra i 7 e i 16 anni, si esibiranno alla presenza di tre personaggi dello spettacolo quali il maestro Beppe Vessicchio per le esibizioni strumentali, l’étoile Carla Fracci per la danza classica e Gigi D’Alessio per il canto. Saranno loro ad eleggere i tre finalisti per ogni categoria.

Non solo arte, ma anche storie vere, come quella di "una bambina siriana cieca della Siria che canta una canzone struggente ‘I nostri cuori battono ancora’ per dire che loro sono ancora lì e desiderano vivere in modo diverso da come hanno vissuto in questi ultimi anni", ha raccontato il presidente Unicef, Giacomo Guerrera, nel corso della presentazione nella sede Unicef di Via Palestro, a Roma.

Tra gli ospiti della serata, realizzata in collaborazione con Unicef ed Endemol Shine Italy, la cantautrice statunitense Anastacia, da sempre impegnata nel sociale, e i ballerini e testimonial Unicef Samuel Peron e Samanta Togni. Non mancherà l'esibizione del giovane violinista vincitore della scorsa edizione, Giuseppe Gibboni.

Mentre il Goodwill Ambassador dell'Unicef Italia, Francesco Totti, invierà uno speciale videomessaggio, sottolineando la sua vicinanza ai volontari, ai donatori e agli amici che sostengono l'Unicef attraverso il suo 'simbolo', la Pigotta, la popolare bambola di pezza

"Felice di cominciare con questa iniziativa unica che è il segno di cosa sia la Rai" Angelo Teodoli, da poco al timone di Rai1. "La musica è un vero ambasciatore di crescita - ha sottolineato il neodirettore della rete ammiraglia - Vedrete poi nelle prossime settimane iniziative dello stesso segno. La musica unisce tutti ed è una base sopranazionale. Inoltre la cosa bellissima di questo programma è che ha rappresentato uno stimolo per i ragazzi per trovare una chiave per arrivare. Si stimola la sensibilità e così il valore va oltre l’sms per la donazione all'Unicef. E La Rai è contenta perché così rappresenta al meglio il servizio pubblico".

"Contenta" di essere stata chiamata per co-condurre questo programma l'attrice Anna Valle: "I 9 ragazzi sono bravissimi! E la musica non si può fraintendere! E’ il modo per arrivare a tutti in modo universale. Poi - ha detto - nonostante la serietà del tema, durante le prove si respirava molta leggerezza, grazie a Flavio Insinna. Ed è sempre grazie a lui che mi sentivo abbastanza spensierata: sapevo che se mi fossi trovata in difficoltà, ci sarebbe stato lui a intervenire".

Complimenti che Insinna ha restituito subito in modo giocoso: "Tutte le cose in inglese le dice lei. Io do solo il numero da fare per l'sms". Una battuta che nulla toglie alla serietà con cui l'attore e conduttore romano ha scelto di presentare la gara dei giovani talenti: "Questo non è un programma, è una scelta di campo. In questo mondo dove c’è la terza guerra mondiale a pezzetti, come ha detto il Papa, dire che noi siamo fortunati perché viviamo da questa parte del pianeta, diventa egoismo quando non fai nulla. E io sono sicuro che ci sarà la solidarietà delle persone di buona volontà, del popolo di Rai1. Ci si deve schierare. E bisogna farlo adesso".

Commossi ed emotivamente coinvolti Samanta Togni e Samuel Peron: "Il nostro impegno non finisce qui. Grazie per averci coinvolto". Per entrambi, infatti, è stata una esperienza importante che ha mostrato loro il grande lavoro dell'Unicef nei territori in difficoltà dove i bambini hanno bisogni primari ed educativi e dove la realtà con cui l'Unicef si confronta è ben peggiore di quello che le foto mostrano.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI