Home . Intrattenimento . Spettacolo . Bufera molestie, Stallone si difende

Bufera molestie, Stallone si difende

SPETTACOLO
Bufera molestie, Stallone si difende

Sylvester Stallone nel film 'Fuga per la Vittoria' (1981, Foto Fotogramma)

"Una storia ridicola e completamente falsa". Così Michelle Bega, portavoce di Sylvester Stallone, bolla la notizia di una presunta violenza sessuale. Ad accusare la star di Hollywood è una donna, di cui non si conosce il nome, ma che aveva 16 anni nel 1986 quando in un albergo di Las Vegas sarebbe stata costretta a un rapporto a tre con l'attore e la sua guardia del corpo, Michael 'Mike' De Luca.

"La ragazza è stata costretta a fare sesso con entrambi che l'hanno minacciata di colpirla in testa se non avesse obbedito: così non ha avuto altra scelta", si legge sul 'Mail Online' che afferma di aver visionato il rapporto della polizia dell'allora ragazzina la quale "impaurita, umiliata e piena di vergogna" decise di non sporgere una denuncia formale. "Nessuno è mai venuto a conoscenza di questa storia fino a quando non è stata pubblicata oggi (ieri, ndr). Il signor Stallone non è mai stato contattato dalle autorità o da nessun altro in merito a questa questione", ha sottolineato Bega.

Questa è la seconda volta che il protagonista di 'Rocky', una delle più famose saghe del cinema, viene coinvolto in un caso di presunte molestie sessuali. La sua sorellastra Toni-Ann Filiti lo denunciò negli anni '80 per abusi sessuali, ma alla fine - sebbene lui abbia sempre negato con forza - i due raggiunsero un accordo economico per evitare di andare al processo. Come si legge sul 'Mail Online', la madre di Stallone affermò che gli avvocati dell'attore gli consigliarono di pagare per evitare qualsiasi scandalo che potesse danneggiare la sua carriera. E ha insistito che suo figlio fosse "vittima di un ricatto".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI