Home . Intrattenimento . Spettacolo . Tornano i 'Ragazzi di vita' all'Argentina di Roma

Tornano i 'Ragazzi di vita' all'Argentina di Roma

SPETTACOLO
Tornano i 'Ragazzi di vita' all'Argentina di Roma

(foto Achille Le Pera)

Dopo lo straordinario successo della scorsa stagione, ritorna al Teatro Argentina di Roma, dal 21 dicembre al 7 gennaio prossimi, la vitalità irrefrenabile e poetica di 'Ragazzi di vita'. Il testo di Pier Paolo Pasolini nella drammaturgia di Emanuele Trevi rivive come creazione corale e struggente diretta da Massimo Popolizio, regista di grande competenza e inventiva, che ha realizzato uno spettacolo potente e comunicativo, preso d’assalto da un pubblico entusiasta (circa 15.000 spettatori nel 2016, solo a Roma).

L’energia travolgente di quel piccolo popolo di ragazzi, protagonisti del primo celebre romanzo di Pasolini, affiora dalla drammaturgia di Trevi, che ne restituisce la lingua pasoliniana riavvicinando il teatro alla letteratura e rafforzando il legame tra il teatro stesso e le radici identitarie della Città.

Il Riccetto, Agnolo, il Begalone, Alvaro, e ancora il Caciotta, Spudorato, Amerigo, sono alcuni dei 19 ragazzi di vita, dalla vitalità disperata ritratta in presa diretta nel romanzo che esplode sul palcoscenico nudo per recitare la nuda povertà delle borgate romane con la loro dolcezza furiosa, la loro impulsiva esplorazione del mondo. Un brulichio di voci e corpi che parlano in romanesco e trascorrono le loro giornate alla ricerca di qualche lira e nuovi passatempi. Su tutti, a fare da tessuto connettivo tra le storie del romanzo, la figura del narratore che si aggira come uno 'straniero' in visita a rendere possibili e visibili tutte le scene, Lino Guanciale. Un osservatore che a tratti si fa mediatore fra noi che guardiamo dalla platea e la vita che si stende sull’immenso palcoscenico vuoto.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI