Home . Intrattenimento . Spettacolo . "Il tumore di mia moglie e la chemioterapia", il dramma di Luca Capuano

"Il tumore di mia moglie e la chemioterapia", il dramma di Luca Capuano

SPETTACOLO
Il tumore di mia moglie e la chemioterapia, il dramma di Luca Capuano

(Grazia /Fabio Lovino)

La malattia che fa crollare la terra sotto ai piedi. Ma anche la rinascita dopo tanto dolore e la certezza che il tempo, l'amore e la famiglia sono quanto di più prezioso esista. E' quanto raccontano a 'Grazia' gli attori Luca Capuano e sua moglie Carlotta Lo Greco, colpiti 11 mesi fa dalla notizia peggiore: un linfoma tra cuore e pleura dell'attrice, da combattere con tutte le forze. Una battaglia vinta, che adesso possono finalmente raccontare dalle pagine del settimanale.

"Ero una di quelle persone che si spaventavano solo a sentirla, la parola tumore. E mai avrei pensato che sarebbe toccato a me doverlo fronteggiare - racconta oggi Carlotta, attrice in soap come 'Un posto al sole' e 'Centovetrine' e mamma di Matteo e Leonardo -. Quando me lo hanno diagnosticato ho capito che si trattava di una cosa grave dallo sguardo e dal tono dei medici, perché io, quelle parole, proprio non ero in grado di comprenderle. Ero stordita, annientata, persa: l'unico pensiero che sono riuscita a formulare sono stati i miei figli. Tutto quello che sapevo era che non volevo crescessero senza la loro mamma".

Una notizia devastante per Luca, che Carlotta l'ha incontrata sul set, si è innamorato e l'ha sposata: "Che cosa ho pensato? Non lo so - risponde l'interprete di 'Centovetrine' e 'Le tre rose di Eva' -. Mi sono trovato in un mondo sconosciuto e buio, fatto di termini oscuri e di un dolore che non avevo mai provato. Che roba è il cancro? Come si fa a reggere la paura di perdere la propria moglie? Fino a quel giorno avevo pensato che avessimo una vita molto impegnativa: i figli, la casa, il lavoro. Io ero ogni giorno sul set, Carlotta aveva mille cose da fare. Di colpo, tutto quello che c’era prima è diventato banale. Oppure molto desiderabile. Comunque: perso".

Perso, ma non per sempre. Perché oggi, 11 mesi dopo, Carlotta sta di nuovo bene: "Ma oggi ho cose che prima non avevo - spiega a Grazia -. Le riassumo in una frase: la gioia di essere qui. Adesso, la vita, la vedo e la sento ovunque mi giri". E anche Luca dice di avere imparato molte cose da questi mesi difficili: "Adesso so di avere una moglie tosta. La consideravo una persona delicata, persino fragile. Ora ho conosciuto una donna che non ha mai mollato. Ha attraversato mesi di fatica e dolore. Ha affrontato una chemioterapia devastante e poi la radioterapia. Ha perso i capelli, ha visto il suo corpo modificarsi, è stata travolta da una fatica che la teneva giorni interi a letto. Ma non ha mai smesso di credere che ce l'avrebbe fatta".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.