Home . Intrattenimento . Spettacolo . Sanremo, Baglioni: "La mia rivoluzione con Hunziker e Favino"

Sanremo, Baglioni: "La mia rivoluzione con Hunziker e Favino"

SPETTACOLO
Sanremo, Baglioni: La mia rivoluzione con Hunziker e Favino

(Twitter /Raiofficialnews)

Saranno Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino ad affiancare Claudio Baglioni nella conduzione del 68esimo Festival di Sanremo. La conferma ufficiale è arrivata nel corso della conferenza stampa di presentazione del Festival della canzone italiana, che sarà trasmesso in diretta su Rai1 e Radio 2 dal 6 al 10 febbraio prossimi. "Sono davvero davvero gasatissima", ha detto la showgirl, che sarà sul palco dell’Ariston a fianco del ‘capitano’ Baglioni, direttore artistico della manifestazione e anche "dittatore artistico, con un avanzo di responsabilità e potere che non guasta", ha scherzato lo stesso Baglioni.

Hunziker ha detto di aver "scoperto di presentare il Festival prima dai giornali e poi da Claudio, quando mi ha chiamata. Sarà un’esperienza meravigliosa, siamo tutti fan di Baglioni: ha portato tanto alla musica italiana e porterà tantissimo al Festival". L’attore Favino si è detto "felicissimo" di partecipare alla kermesse. "E’ una cosa completamente nuova per me, un nuovo battesimo. E’ una sorta di cerchio che si chiude. Sono fan del Festival da quando ero bambino e a cinque anni sognavo di partecipare. L’ho fatto in un altro modo, con questa possibilità che mi è stata offerta".

Per la 68esima edizione del Festival Angelo Teodoli, direttore di Rai1, si è augurato "un 40% di share. Ma contiamo anche di superarlo. Oltre all’"eliminazione dell’eliminazione" nella gara sia per la categoria Campioni che per le Nuove Proposte, fra le novità dell’edizione 2018 ci sono la maggiore lunghezza delle canzoni, fino a quattro minuti, la modifica del sistema di voto, con un peso maggiore della giuria della sala stampa, e la nuova esibizione nella quarta serata dei campioni con il brano in gara ma reinterpretato con artisti ospiti e un eventuale nuovo arrangiamento. Nella quarta serata per i campioni "non ci sarà l’obbligo di reinterpretare un altro pezzo, ma la possibilità di esibirsi con una nuova edizione della loro canzone", ha spiegato Baglioni.

I campioni parteciperanno con 20 canzoni inedite e si esibiranno tutti nel corso della prima serata del 6 febbraio. Nelle due serate successive, in gruppi da dieci, interpreteranno nuovamente i loro brani, mentre gli otto giovani della categoria Nuove Proposte si esibiranno in gruppi da quattro. Nella quarta serata ci sarà la nuova esibizione dei campioni con un diverso arrangiamento e la finale dei giovani, con la proclamazione del vincitore.

Nella quinta e ultima serata del 10 febbraio sarà infine decretata la canzone vincitrice. Le votazioni avranno un sistema misto, con il televoto, la giuria della sala stampa e quella degli esperti. In conferenza stampa Baglioni ha ribadito l’intenzione di portare una "piccola rivoluzione al Festival", richiamandosi al Sessantotto e allo slogan dell’immaginazione al potere.

"Voglio portare l’immaginazione al Festival. Di tutte le rivoluzioni vorrei prendere la parte buona, che è quella preparatoria, poi spesso lasciano disastri quando vengono applicate. Il Sessantotto ha avuto una fase iniziale straordinaria e poi ha avuto storture e modificazioni. Io vorrei essere l’immaginazione e il potere, inteso come verbo, come ‘poter fare’", ha sottolineato il direttore artistico della manifestazione.

Sul palco ci saranno artisti stranieri e comici italiani, ma non attori di Hollywood. "Ho chiesto che di alcune partecipazioni si potesse fare a meno", ha aggiunto il direttore artistico del Festival di Sanremo, "anche perché in passato alcune partecipazioni non hanno portato un grande valore artistico. Non ho in mente passerelle dei divi di Hollywood, che si concludono come ‘vacanze romane’, anzi sanremesi. Escludo quel tipo di intervento".

Invece la "regola di ingaggio" per gli artisti stranieri ospiti è che "vengano a cantare qualcosa che ha matrice italiana, come gli artisti stranieri del passato che venivano a partecipare a un festival italiano". Baglioni ha spiegato che "stiamo ancora diramando gli inviti agli artisti stranieri". Quanto alla possibilità che i comici possano parlare di politica a meno di un mese dalle elezioni Teodoli ha spiegato che "i comici faranno i comici, la satira non è mai stata vietata. Non c’è nessun divieto, ma spero che saranno equilibrati".

Un momento al Festival sarà dedicato alle donne e alla femminilità "in una chiave di speranza e di senso di squadra, che è un elemento che manca molto nel mondo delle donne", ha poi annunciato Hunziker. "In Italia abbiamo dati sconcertanti sul femminicidio, che non hanno pari nel resto d’Europa. Vorrei portare al Festival un momento dedicato alla forza delle donne, portando speranza, e snocciolarlo in un modo diverso da come fatto ai Golden Globe. Mi è piaciuto come hanno trattato il tema delle molestie e il caso Weinstein, ma noi vogliamo portare la gioia che le cose possono cambiare".

BOOKIES - Manca ancora quasi un mese all'inizio del Festival, ma i bookmakers hanno già le idee chiare: secondo Agipro, favorita per la vittoria è l’inedita coppia formata da Ermal Meta e Fabrizio Moro che sulla lavagna di Microgame vale 3,15, con Mario Biondi che insegue a 5 volte la scommessa e Noemi a 7,00. Ai piedi del podio si piazza Max Gazzè a 9,50, tallonato da Elio e le Storie tese a 10 volte la posta. Giovanni Caccamo e Annalisa sono entrambi a quota 12,00, con gli ex Pooh Roby Facchinetti e Riccardo Fogli a 13,00. Si piazzano a 15 volte la scommessa Nina Zilli e il cantautore tarantino Renzo Rubino; stessa quota anche per i The Kolors (lanciati dal talent "Amici di Maria De Filippi"), per la coppia formata da Enzo Avitabile e Peppe Servillo e per Ornella Vanoni, accompagnata da Bungaro e Pacifico. La vittoria de Lo Stato Sociale si gioca a 18,00, con Ron che insegue a 20,00 (stessa quota anche per Le Vibrazioni). Poche chance per Luca Barbarossa, Red Canzian e i Decibel (tutti a 22,00), con Diodato e Roy Paci ultimi in lavagna a 25,00.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.