Home . Intrattenimento . Spettacolo . "Vedeva tutto nero", gli ultimi giorni di Mark

"Vedeva tutto nero", gli ultimi giorni di Mark

SPETTACOLO
Vedeva tutto nero, gli ultimi giorni di Mark

Mark Salling

Da qualche tempo "vedeva tutto nero" e aveva spesso il morale a terra. Mark Salling, l'ex star di 'Glee', trovato morto a Los Angeles, non stava passando un bel periodo. "Era molto solo e molto depresso" racconta un amico di vecchia data a 'Us Weekly'. "Sarebbe potuto finire presto in carcere - spiega -. Chi gli era vicino lo aveva tagliato fuori". L'ex star della serie tv musicale si sarebbe suicidato impiccandosi, stando a quando riportato ieri da 'Tmz'.

Salling era in attesa di condanna dopo essersi dichiarato colpevole nel processo per possesso di immagini pedopornografiche e a marzo era attesa la sentenza. "Dopo lo scandalo, molte persone hanno chiuso con lui - racconta la fonte al settimanale statunitense -. Qualcuno con cui avrebbe potuto parlare di tanto in tanto c'era, ma i veri amici li aveva persi tutti". "Quando uscì la notizia delle immagini pedopornografiche - conclude la fonte - Mark si allontanò da Los Angeles perché voleva uscire" da quella situazione.

Per Salling era prevedibile una condanna tra i 4 e i 7 anni di prigione, con le attenuanti dovute al patteggiamento. La morte dell'attore è stata ribattezzata dalla stampa come 'la maledizione di Glee', perché si tratta del secondo protagonista della serie tv a morire in circostanze drammatiche. Nel luglio 2013, il coprotagonista Cory Monteith era morto a soli 31 anni per overdose di alcol e droghe ed era stato trovato morto in un hotel di Vancouver. "Mark - ha rivelato una fonte anonima a 'Us Weekly' - non aveva mai superato la morte di Cory".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.