Home . Intrattenimento . Spettacolo . Crescentini: "Non votare è una cazz…ta atomica"

Crescentini: "Non votare è una cazz…ta atomica"

SPETTACOLO
Crescentini: Non votare è una cazz…ta atomica

Carolina Crescentini, ospite di 'Adnkronos Live'

Chi vota scheda bianca fa una cazzata atomica”. Lo ha detto Carolina Crescentini, ospite nel pomeriggio di ‘AdnKronosLive’, parlando delle prossime elezioni. " Sono spaventata dall’ondata di violenza, verbale e anche fisica, dall’intolleranza che c’è in giro, dal razzismo, dal sessismo -ha detto la bionda attrice romana- e dall’assenza di onestà di tutti i partiti italiani. Non mi riconosco in una società del genere ". Nonostante ciò, esorta tutti ad andare a votare, perché è un dovere. "Il mio voto sarà sulla base di ciò che ritengo più vicino a me -dice- ma non perché mi rappresenti in pieno, più per fermare quello che non voglio".

NELLE SALE CON 'SCONNESSI' - L'attrice romana è da ieri nelle sale con 'Sconnessi', il film diretto da Cristian Marazziti, insieme a Ricky Memphis e Stefano Fresi. La pellicola racconta la storia di una famiglia allargata che si ritrova isolata in un paesino sperduto senza connessione internet, facendo emergere dinamiche sopite e ingranaggi quotidianamente 'nascosti' dalla continua connessione. "Io non sono dipendente dai social -dice Crescentini - anche se ammetto che ho tanti amici all'estero e i social sono un modo per restare in contatto con loro".

LA MATERNITA' - Carolina è attualmente nelle sale anche con 'A casa tutti bene', il film di Gabriele Muccino nel quale interpreta una moglie incinta, gelosa e paranoica. "Nella vita mi piacerebbe avere un bambino, poi vediamo quello che succederà" dice l'attrice, e rivela che per interpretare il film, nel quale recita anche la scena del parto, ha visto tanti filmati su Youtube e si è un po' impressionata. "Ho trovato tanti filmati di donne che hanno postato il loro parto - racconta - e la cosa più divertente è quello che riescono a dire ai mariti durante quelle ore", scherza.

ROMA – Crescentini è romanissima, e auspica per la sua città "almeno il livello base". "Penso che ormai si sfiori il macchiettistico da anni”, dice con chiarezza. E se fosse sindaco per un giorno ("Ma non vorrei mai essere sindaco, perché penso sia un ruolo orrendo"), chiede almeno di " non morire nelle buche, che sia una città pulita e di conseguenza meno topi e altri animali che si aggirano intorno a noi, e poi vorrei che, dato che è una città che campa di rendita sulla sua bellezza e sulla sua arte, che sia almeno a livello delle altre città europee".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.