Home . Intrattenimento . Spettacolo . Caso Brizzi, parla Sgarbi

Caso Brizzi, parla Sgarbi

SPETTACOLO
Caso Brizzi, parla Sgarbi

Vittorio Sgarbi (Fotogramma)

"Cosa ci insegna il caso di Fausto Brizzi? Innanzitutto di coltivare l'esercizio del dubbio, sempre. Poi che i processi, se ci sono le prove, si fanno nelle aule dei tribunali". Inizia così il post su Facebook che Vittorio Sgarbi ha scritto sulla vicenda che ha coinvolto il regista e sceneggiatore, per la quale la Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione. "Brizzi - si legge - è stato invece crocifisso sui social, additato come un mostro. Pagando un prezzo altissimo: una reputazione di uomo e regista distrutta in poche ore, la disdetta dei contratti cinematografici, gli insulti di milioni di imbecilli che, come iene sulla preda, per giorni e giorni lo hanno maciullato. Mettendo a dura prova anche l’integrità della sua famiglia, salvaguardata invece da una donna intelligente e forte come Claudia Zanella".

"Ovviamente di questa violenza non pagherà nessuno - prosegue Sgarbi -. Non pagheranno gli investigatori e i magistrati che, senza alcuna remora, hanno consentito che indagini preliminari su accuse così infamanti diventassero di dominio pubblico, senza preoccuparsi del rischio gogna. Non pagheranno i milioni di odiatori seriali dei social sempre pronti, dietro la tastiera di un Pc, a sputare sentenze e vomitare insulti. Non pagheranno, molto probabilmente, nemmeno le ragazze che lo hanno accusato ingiustamente. Ragazze che spesso utilizzano la loro avvenenza, consapevolmente, come arma di 'persuasione' o di ricatto" scrive ancora Sgarbi, che conclude: "Io personalmente ho risolto questo problema. Faccio firmare alle donne che mi 'concupiscono' una liberatoria: 'La sottoscritta Vanessa... dichiara di fare sesso liberamente con Vittorio Sgarbi senza nulla a pretendere in cambio'. Chi è interessata può richiedere i moduli, a pagamento, ai miei collaboratori".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.