Home . Intrattenimento . Spettacolo . Bolle e Zakharova, due star alla Scala

Bolle e Zakharova, due star alla Scala

SPETTACOLO
Bolle e Zakharova, due star alla Scala

Roberto Bolle e Svetlana Zakharova '

Ritornano insieme Roberto Bolle e Svetlana Zakharova, stelle del firmamento tersicoreo, protagonisti per tre sole recite (il 17, 19 e 24 ottobre) de 'L’histoire de Manon', capolavoro firmato da sir Kenneth MacMillan. Dopo i successi in Cina del corpo di ballo scaligero e prima di partire per l'Australia, un nuovo debutto per la compagnia diretta da Fréderic Olivieri nel balletto liberamente ispirato all'omonimo romanzo settecentesco dell'abbé Prévost.

Opera coinvolgente sul piano drammatico, psicologico, sentimentale, coreografico che vede protagonista la giovane Manon, seducente e pericolosamente innocente, che ben presto cede alle lusinghe della ricchezza e diventa calcolatrice e corrotta. Un fratello intrigante e pericolosissimo, un amante attempato, ricchissimo e agé, un grande amore, purissimo, Des Grieux, che la seguirà sino alla morte. Sono questi i protagonisti del 'racconto' di amore, morte, riscatto e devozione

''Manon - ricordava lo scomparso MacMillan - ama la vita e non sa resistere al piacere che le offre. È charmante, ma amorale. La sua innocenza si perde tra le tentazioni di una vita lussuosa. C’è, però, in lei qualcosa ancora di infantile. Non è fatta che d’istinto. Ama sinceramente Des Grieux e resta davvero legata a lui, ma è incapace di vivere questo amore nell’indigenza, mentre le molteplici tentazioni di una vita lussuosa le sono a portata di mano''.

''Senza nemmeno esserne cosciente - spiegava ancora il grande coreografo inglese- spinge sulla strada del vizio e della perdizione il giovane amante che per lei si trasforma in ladro e assassino''. Intrigato dal personaggio di Manon, spiegava ancora sir Kenneth McMillan: ''In questo personaggio sembra non esserci alcuna logica nel suo comportamento. La chiave di una simile condotta si spiega, forse, legata alle sue origini. Una famiglia dignitosa, sicuramente, ma modesta e ben presto ridotta alla povertà in quel XVIII secolo dove le fortune si creano e si disfano con la rapidità di un temporale''.

''Ebbene - aggiungeva l''autore' di Manon- nella miseria, si finisce per perdere tutta la dignità. E Manon ha talmente paura della miseria! Meno della paura della povertà stessa che della vergogna di essere povera. È proprio questo che ho voluto mostrare nel mio balletto. Quella disparità tra la grande ricchezza e la grande povertà, nella Francia del secolo dei Lumi!''

Roberto Bolle e Svetlana Zakharova hanno già danzato nei ruoli protagonisti di 'Manon' nel 2013 e nel 2015. Nelle recite del 19 pomeriggio (Invito alla Scala ) e nella recita del 20 ottobre (ore 20.30 ScalAperta) tornerà a calcare il palcoscenico della Scala Nicoletta Manni al suo fianco, in debutto nel ruolo di Des Grieux, sarà il marito e partner Timofej Andrijashenko. Già interpreti dei ruoli nelle precedenti stagioni ma per la prima volta insieme, nella recita del 27 ottobre ci saranno Emanuela Montanari e Claudio Coviello. La recita conclusiva del 2 novembre vedrà tornare nei ruoli Virna Toppi e Marco Agostino.

Accanto a Manon e Des Grieux, ruotano altri personaggi principali, perni della vicenda e simboli delle forze contrapposte. Nei panni di Lescaut Nicola Del Freo, poi Christian Fagetti e Walter Madau, la sua Amante sarà Martina Arduino, poi Antonella Albano e Maria Celeste Losa. Monsieur G.M. vedrà alternarsi Alessandro Grillo, Mick Zeni e Massimo Garon, Madame, Deborah Gismondi e Beatrice Carbone, mentre i Carcerieri saranno Mick Zeni e Massimo Garon.

Un balletto coinvolgente, e assecondato da un tessuto musicale creato ad hoc. MacMillan decise, infatti, di non rifarsi a Puccini e alla sua 'Manon Lescaut', utilizzò invece musiche di Massenet, arrangiate e orchestrate, evitando di tradurre il melodramma in balletto, non usò nemmeno una pagina dall’omonima opera. Fra le altre, anche pagine tratte da 'Le Cid' e da 'Thaïs', da 'Don Quichotte' e da 'Cleopatra', da 'Ariane' a 'Cenerentola'. Sul podio Felix Korobov.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.