Home . Lavoro . "Sei in cassa integrazione", l'avviso arriva con un sms

"Sei in cassa integrazione", l'avviso arriva con un sms

LAVORO
Sei in cassa integrazione, l'avviso arriva con un sms

(Fotogramma)

Sei in cassa integrazione”: questo l’sms ricevuto da alcuni lavoratori della Malo (azienda di cashmere di Campi Bisenzio, 58 dipendenti) in questi giorni da parte dell’azienda. Ne danno notizia la Filctem Cgil e Femca Cisl Firenze, parlando di "una procedura anomala, inaccettabile e poco rispettosa sia del sindacato che del lavoratore".

"Una procedura - spiegano i sindacati in una nota - che è iniziata dopo l’ultimo sciopero messo in atto dai lavoratori (lo scorso 28 marzo): da lì, l’azienda fa i programmi di cassa senza convocare il sindacato. Questo, considerando il fatto che l’utilizzo della cassa integrazione (a rotazione per circa metà del personale), ogni settimana, è sempre più corposo, per la mancanza della liquidità necessaria all’approvvigionamento del filato".

"Gli ordini ci sarebbero anche, c’è da fare il campionario ma questo ad ora è a rischio: chiediamo che l’azienda ci convochi subito per concordare i programmi di cassa", dicono i sindacati.

"Ogni settimana la situazione dell’azienda diventa sempre più incerta, i lavoratori sono stremati da mesi di lotte e, nonostante la richiesta di riattivazione del tavolo dell’Unità di crisi con le Regioni Toscana e Emilia Romagna (da parte di Filctem-Cgil e Femca-Cisl), i sindacati non riescono ad avere chiarezza sul futuro", proseguono le organizzazioni sindacali di Firenze.

E la mobilitazione non si ferma: domani, mercoledì 11, i lavoratori saranno in sciopero per 4 ore e faranno un presidio davanti all’ingresso del Palazzo di Giustizia, a Firenze (viale Guidoni), dalle 11 alle 12.

"La sede del presidio è stata scelta non a caso: infatti, si vuole sensibilizzare il Tribunale affinché si verifichi che all’interno del piano concordatario l’azienda rispetti gli impegni presi, cosa che i sindacati temono non stia facendo", conclude la nota. Il prossimo incontro tra sindacati e azienda è stato fissato a Firenze, in Regione Toscana, il 23 aprile alle 11.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.