Home . Lavoro . Lavoro, peggio dell'Italia solo la Grecia

Lavoro, peggio dell'Italia solo la Grecia

LAVORO
Lavoro, peggio dell'Italia solo la Grecia

In Italia l'occupazione di uomini e donne in età lavorativa, dai 20 ai 64 anni, è la più bassa dell'Ue, dopo la Grecia. Secondo Eurostat, l'occupazione nel nostro Paese nel 2017 è stata del 62,3%, in lieve rialzo dal 61,6% del 2016 ma ancora lontana dall'obiettivo per il 2020, il 67% (contro il 75% a livello Ue). Solo la Grecia in Europa ha meno persone in attività, il 57,8% nel 2017, ma ha aumentato di più il tasso rispetto al 2016, di 1,2 punti percentuali rispetto agli 0,7 italiani.

Il 62,3% dell'Italia è la classica media del pollo: se il 72,3% degli uomini lavora (comunque meno della media Ue, il 78%), sono occupate poco più della metà (52,5%) delle donne (la media Ue è del 66,5%, 14 punti percentuali in più). Per tasso di occupazione si intende la percentuale di persone occupate in una popolazione nella stessa fascia di età; e per essere considerati 'occupati' basta aver lavorato, per un salario o per un profitto, durante una settimana per almeno un'ora, oppure essere stato temporaneamente assente da tale lavoro.

In tutta l'Ue, il tasso di occupazione nel 2017 è stato in media del 72,2%, cioè quasi dieci punti percentuali in più dell'Italia, a fronte del 71,1% del 2016. L'obiettivo Ue è di raggiungere il 75% di occupazione nel 2020, obiettivo che è stato frazionato in singoli target nazionali. La Spagna, che secondo il Fondo Monetario Internazionale avrebbe superato l'Italia nel 2017 per Pil pro capite, ha un tasso di occupazione ancora basso, al 65,5%, ma più alto dell'Italia di oltre 3 punti percentuali, e che è cresciuto di più nel 2017 (+1,6 pp). La differenza non la fanno gli uomini, che lavorano meno (71,5%) degli italiani (72,3%), ma le donne: il 59,6% delle spagnole tra i 20 e i 64 anni è occupata, contro il 52,5% delle italiane.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI