Home . Lavoro . Cerco-lavoro . Agenzia nazionale per i giovani chiude 2016 con 100% fondi Ue per nuove generazioni

Agenzia nazionale per i giovani chiude 2016 con 100% fondi Ue per nuove generazioni

CERCO-LAVORO
Agenzia nazionale per i giovani chiude 2016 con 100% fondi Ue per nuove generazioni

Innovazione, integrazione, dialogo sociale, interreligioso ed interculturale; parità di genere, inclusione, rispetto e tutela ambientale. E poi ancora spirito di iniziativa, autoimprenditorialità, creatività, occupazione giovanile. Cittadinanza attiva e cittadinanza europea: una varietà di tematiche che hanno al centro il protagonismo di una generazione che ha fiducia nel futuro e ha voglia di impegnarsi sfruttando le potenzialità della mobilità europea come chiave per acquisire conoscere e competenze spendibili sul mercato del lavoro.

Con la pubblicazione della graduatoria della terza scadenza, che vede approvati 156 progetti per un impegno di risorse pari a 3.565.850,00, Ang (Agenzia nazionale per i giovani) chiude l’anno con il 100% delle risorse europee impegnate per un totale complessivo di 469 progetti approvati nel corso del 2016.

Sono, infatti, oltre 12 milioni complessivi i fondi europei, del capitolo Gioventù di Erasmus+, impegnati dall’Italia in favore delle nuove generazioni attraverso attività di scambio, di volontariato europeo, di formazione e messa in rete di buone pratiche, di partenariati strategici per l’innovazione e di attività di dialogo strutturato che favorisce il dialogo tra giovani e decisori politici. Si evidenzia che oltre 1 milione di euro è stato destinato alle aree interne favorendo la partecipazione di giovani con minori opportunità.

Un anno intenso che ci ha visti impegnati anche in attività per la celebrazione dei 20 anni di Servizio volontariato europeo, (che ha coinvolto oltre 100 mila giovani europei ad oggi), in iniziative internazionali e di inclusione sociale, rispettando in qualità di Pa la normativa in tema di performance, trasparenza e prevenzione della corruzione raggiungendo il 100% della bussola della trasparenza.

Con questi numeri Ang chiude il 2016 e si prepara al nuovo anno con l’obiettivo di aumentare la propria capacità di penetrazione sul territorio per dare a tutti i giovani la possibilità di usufruire dei fondi messi a disposizione da Erasmus+.

A tal fine è in lavorazione l’app dell’Agenzia nazionale per i giovani che ha l’obiettivo di creare connessioni tra i giovani italiani in mobilità e stimolare sempre più ragazzi a fare questo tipo di esperienza.

“L'App Ang -commenta Giacomo D’Arrigo, direttore generale di Ang- è il nuovo strumento di contatto che l'Agenzia Nazionale Giovani mette a disposizione dei ragazzi che intraprendono un'esperienza di mobilità in Europa L'app, sviluppata per Android e iOS, presenta una sezione informativa dedicata alle attività dell'Ang e una sezione di contatto, attraverso la quale i ragazzi possono entrare in contatto tra loro, creando una rete di condivisione delle esperienze”.

“I risultati di Ang -fa notare- sono frutto di una Pubblica amministrazione efficiente e trasparente che lavora per favorire il processo di partecipazione dei giovani nonché per favorire percorsi di educazione ed apprendimento che possano facilitare il loro ingresso nel mercato del lavoro e non solo".

"Ang infatti -sottolinea- ha la possibilità di raccontare la storia di una generazione impegnata nel sociale, nel volontariato, in attività di accoglienza e di inclusione, che mai come oggi ha bisogno di esser sostenuta e valorizzata. Infatti, nel 2017, saranno oltre 13 milioni di euro i fondi europei che l’Ang gestirà attraverso Erasmus+; accanto a questo saremo inoltre impegnati sia sul fronte migranti, con la realizzazione del progetto europeo 'Becaming part of Europe' di cui l’Italia è capofila, sia nella promozione del nuovo strumento europeo lanciato nelle scorse settimane dal presidente Juncker il 'Corpo europeo di solidarietà' che consegna ai giovani ulteriori occasioni per portare il loro contributo nella società rafforzando le loro competenze e conoscenze su scala europea".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI