Home . Lavoro . Dati . Fra jet lag e riunioni il viaggiatore d’affari cerca utile e dilettevole

Fra jet lag e riunioni il viaggiatore d’affari cerca utile e dilettevole

DATI
Fra jet lag e riunioni il viaggiatore d’affari cerca utile e dilettevole

Quando pensiamo al viaggio, pensiamo al riposo, al divertimento e all’avventura. Ma la maggior parte delle persone che viaggiano lo fa per lavoro. La solitudine, i voli cancellati, il jet lag, i continui incontri di lavoro, la tensione legata alla necessità di conquistare nuovi clienti contribuiscono a rendere stressante questo tipo di viaggi. In questa situazione, molti viaggiatori cercano di unire l’utile al dilettevole approfittandone per scoprire la città in cui si trovano per lavoro e per avere un paio di giorni di vacanza; ma, per altri, questi soggiorni diventano la parte peggiore della loro vita lavorativa.

Wanup, il primo club di loyalty alberghiera che attraverso la sharing economy riunisce hotel indipendenti di qualità e rinomate catene alberghiere, ha condotto uno studio interno per definire i quattro tipi di viaggiatori d’affari e le loro esigenze. Sono il viaggiatore a tutto lusso, il viaggiatore senza tempo, il viaggiatore ozioso, il viaggiatore digitale. Ecco l'identikit di ciascuno.

- Il viaggiatore a tutto lusso. Questo tipo di viaggiatore lavora all’interno di multinazionali o di grandi aziende per cui il denaro non è un problema e tutti i suoi bisogni devono essere soddisfatti. Viaggia sempre in business class e soggiorna in hotel di lusso per poter ricevere attenzioni continue e personalizzate, ed è per questo che tende a essere molto fedele a un marchio. Le caratteristiche che più apprezza in una struttura sono le attrezzature moderne e i servizi pratici, quali la lavanderia.

- Il viaggiatore senza tempo. Parliamo del tipo di viaggiatore che va sempre di corsa a causa della sua agenda fittissima e che pertanto attribuisce un alto valore al proprio tempo libero. Può viaggiare in business class o in turistica a seconda delle circostanze, perché il suo lavoro richiede flessibilità al momento di pianificare i viaggi. Ha bisogno di vivere esperienze gratificanti in poche ore e per questo sceglie hotel con servizi come palestra o piscina per compensare la sua giornata lavorativa. Inoltre, le strutture scelte sono di solito in prossimità degli aeroporti, delle fiere o dei centri congressi.

- Il viaggiatore ozioso. Il viaggiatore che ha bisogno di conciliare lavoro e tempo libero è il più comune. Più della metà dei viaggiatori d’affari si riserva sempre qualche giorno per il riposo e per fare un po’ di turismo in loco: una tendenza in forte espansione nota come 'bleisure'. Questo profilo è indipendente e intraprendente, sceglie sempre hotel in centro per godere della città e fare shopping o scoprire i punti di interesse turistico.

- Il viaggiatore digitale. Il viaggiatore digitale condivide ogni momento della propria attività lavorativa sui social network, utilizzando inoltre applicazioni per incontrare persone nella città in cui alloggia. È la nuova generazione di viaggiatori frequenti, giovani imprenditori e persone che vivono i viaggi di lavoro come un’opportunità viva. Viaggiare in classe economy e prenotare presso un hotel boutique unico con connessione Wi-Fi sono requisiti indispensabili data l’importanza attribuita al rimanere connessi per continuare a lavorare.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI