Home . Lavoro . Dati . Dalla lavatrice alle piante: il vademecum per risparmiare acqua

Dalla lavatrice alle piante: il vademecum per risparmiare acqua

DATI
Dalla lavatrice alle piante: il vademecum per risparmiare acqua

(Fotogramma)


Dalla lavatrice ai fiori, è ora che i consumatori facciano la loro parte. Per fronteggiare l'emergenza siccità, l'Unione nazionale consumatori, per Labitalia, ha realizzato un vademecum domestico a portata di famiglie.

"In molte parti d'Italia - spiega l'associazione - è ormai emergenza idrica, con notevoli conseguenze: danni per l'agricoltura, allarmi ambientali, come per il lago di Bracciano, dove è a rischio l'ecosistema, disagi per i cittadini, razionamento dell'acqua. E' un dovere civico evitare sprechi e fare un buon uso di questa preziosa risorsa scarsa, non per niente definita 'oro blu'. Anche se una gestione sostenibile delle risorse idriche dipende solo in minima parte dal comportamento virtuoso del consumatore, è una responsabilità di tutti dare il proprio contribuito, adottando comportamenti ecosostenibili".

"Secondo gli ultimi dati Istat -ricorda - i prelievi di acqua sono destinati solo per il 27,8% a usi civili. Il 17,8% è per usi industriali, il 4,7% per la produzione di energia termoelettrica, il 2,9% per la zootecnia e il 46,8% per l’irrigazione delle coltivazioni. Decisamente prioritaria, quindi, una riconversione del sistema di irrigazione dei terreni agricoli, con metodi innovativi. Servono opere infrastrutturali, potenziare la rete di invasi capaci di raccogliere l'acqua piovana, praticare il riutilizzo delle acque e così via".

"Nel 2015, poi, è andato disperso - aggiunge l'Unc - il 38,2% dell’acqua immessa nelle reti di distribuzione dell’acqua potabile dei comuni capoluogo di provincia (dal 35,6% del 2012). Ovvio, quindi, che, se già quasi il 40% dell'acqua non raggiunge gli utenti finali, il contributo che questi ultimi potranno dare per evitare sprechi si ridimensiona. A Roma, le perdite idriche totali sono pari al 44,1%, contro il 16,7% di Milano, il capoluogo di regione più virtuoso e il 68,8% di Potenza, la peggiore in classifica".

"Una perdita giornaliera reale che, al netto degli errori di misurazione e degli allacciamenti abusivi, ammonta in Italia - osserva - a circa 50 metri cubi per ciascun chilometro delle reti di distribuzione e che, secondo l'Istat, potrebbe soddisfare le esigenze idriche annue di 10,4 milioni di persone. Ma questi dati non possono sottrarre il consumatore alle sue responsabilità e a un uso più accorto, evitando consumi superflui. Anche perché, nel 2015, ogni cittadino residente ha consumato, comunque, in media, 89,3 metri cubi d'acqua per uso potabile, pari a 245 litri al giorno, un dato non irrisorio, anche se in calo rispetto ai 268 litri del 2012. Pure gli utenti, dunque, possono e devono fare la loro parte".

Inoltre, "considerato quanto si paga per la bolletta dell'acqua, è decisamente consigliabile e conveniente dal punto di vista economico - avverte - evitare sperperi, limitando spese che incidono sul bilancio della famiglia". Questo il punto di partenza del vademecum, stilato dall’Unione nazionale consumatori, utile per ridurre i consumi domestici di acqua, anche con piccoli gesti quotidiani.

LE 15 REGOLE:

1) Lettura consumi. Leggete la fattura e controllare se ci sono stati consumi anomali. Se, invece, la lettura è stimata e state pagando acconti, è bene fare l'autolettura, comunicando i dati al gestore. Non solo eviterete conguagli esagerati, ma, verificando periodicamente il contatore, potrete accorgervi in tempo di eventuali malfunzionamenti e perdite occulte.

2) Perdite occulte. Un foro in un tubo può far perdere migliaia di litri d'acqua all'anno. Allagando casa, poi, avrete ingenti danni a parquet, mobili, muri ecc.. Per accorgersi di perdite occulte, la sera provate a chiudere bene tutti i rubinetti e a leggere il contatore. La mattina verificate se ci sono state variazioni.

3) Vacanze e allagamenti. Quando si lascia casa, anche solo per un week end, va chiuso il rubinetto centrale. La pressione, sempre presente, potrebbe determinarne la rottura delle tubature anche in vostra assenza. In tal caso, non sono consumerete moltissima acqua, ma i danni potrebbero ridurvi sul lastrico.

4) Lavatrice e lavastoviglie. Fatele andare sempre a pieno carico. Risparmierete acqua ed elettricità. Usarli, quindi, solo quando è necessario, possibilmente utilizzando il programma economico. Una buona abitudine, inoltre, è chiudere il rubinetto dell'acqua della lavatrice e della lavastoviglie, aprendolo solo in caso di funzionamento. Altrimenti, se il tubo si rompe, magari mentre dormite, avrete un brutto risveglio.

5) Riduttori di flusso. Applicate un frangigetto sui rubinetti di doccia, bagno e cucina. E’ un dispositivo che costa molto poco, si trova facilmente (in ferramenta, nei negozi di casalinghi e nei grandi magazzini), si monta agevolmente e, miscelando acqua ed aria, consente di diminuire la quantità di acqua in uscita dal rubinetto senza diminuire la resa lavante o il comfort.

6) W la doccia. Fate la doccia piuttosto che usare la vasca. Fare un bagno richiede oltre 150 litri di acqua, mentre per la doccia bastano tra i 40 e i 50 litri, se vi ricordate di chiudere l’acqua mentre vi insaponate. Se poi avete installato un riduttore di flusso anche in doccia, il consumo sarà ancora inferiore.

7) Chiudere il rubinetto. Non fate scorrere l'acqua mentre vi spazzolate i denti, vi mettete lo shampoo, insaponate i piatti o vi fate la barba. Aprite il rubinetto solo per il tempo strettamente necessario. Il rubinetto del bagno ha una portata di oltre 10 litri al minuto. Lasciarlo aperto mentre vi pulite i denti o vi rasate significa gettare via più di 30 litri di acqua potabile.

8) Frutta e verdura. L'acqua corrente va usata solo per il risciacquo finale. L'ideale è lasciare la frutta e la verdura immerse in una bacinella con acqua e bicarbonato (1 cucchiaio da tavola ogni litro d'acqua) per alcuni minuti. Poi strofinarle e, solo alla fine, risciacquarle. Se poi avete intenzione di sbucciare la frutta, regolatevi di conseguenza.

9) Piatti. Anche per i piatti incrostati non serve far scorrere litri d'acqua. Basta lasciarli in ammollo e poi usare l'olio di gomito e una spugnetta adatta. L'acqua corrente solo nel finale.

10) No alle gocce. Se ci disturba la notte ci alziamo infuriati, ma durante il giorno la lasciamo andare ininterrottamente, come se niente fosse! In realtà, goccia dopo goccia, un rubinetto che perde spreca miglia di litri di acqua in un anno. Chiudete bene, quindi, i rubinetti e controllate se hanno una perdita. Basta un foglio di carta assorbente per rilevare anche una minima perdita. Verificate anche la cassetta del water.

11) Sciacquone. Oltre il 30% dell'acqua che consumiamo in casa esce dallo scarico del wc: ogni volta 10-12 litri. Installare una cassetta dotata di doppio tasto, che eroga quantità di acqua diverse secondo le necessità, permette di risparmiare migliaia di litri in un anno. Anche 6 litri possono bastare per avere un buon servizio senza sprechi.

12) Acqua piovana. Raccogliete l'acqua piovana, poterete utilizzarla per usi non alimentari.

13) Piante e fiori. Innaffiate il giardino solo durante le ore più fresche, quando il sole è calato o non ancora sorto: l'acqua evapora più lentamente e ha il tempo di essere assorbita dalla terra. Utilizzate acqua già 'usata' (ad esempio per lavare frutta e verdura) o piovana e sistemi a 'goccia'. Se sono emesse ordinanze del sindaco che vietano di usare acqua potabile per irrigare giardini e orti, rispettatele. Eviterete, altresì, sanzioni.

14) Non lavate l'auto. Non siate maniaci del pulito. Attendete tempi migliori. Attenti, anche in questo caso, alle ordinanze. Usare secchio e non acqua corrente.

15) Piscine. Per quei pochi fortunati che si possono permettere una piscina, è bene coprirla quando non è utilizzata. Rallenterete l'evaporazione ed eviterete sporcizie varie.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI