Home . Lavoro . Dati . L'indagine: gli italiani fanno shopping soprattutto se sono felici

L'indagine: gli italiani fanno shopping soprattutto se sono felici

DATI
L'indagine: gli italiani fanno shopping soprattutto se sono felici

Nonostante il potere terapeutico dello shopping venga riconosciuto probabilmente in tutto il mondo, sembra che gli italiani siano più propensi a fare shopping quando sono felici o hanno voglia di novità. Lo rivela un’indagine condotta da Zalando su un panel di 1.000 consumatori, che analizza le abitudini degli italiani in fatto di acquisti.

Il 54% degli intervistati, infatti, afferma di essere maggiormente spinto a fare shopping quando è di buon umore, mentre solo l’8% si dedica a questa attività con l’obiettivo di consolarsi quando è giù di morale. Il 35%, invece, dichiara di fare acquisti solo quando è necessario, senza badare all’umore, con una prevalenza di uomini (41%) rispetto alle donne (29%).

Gli italiani inoltre non sono propensi a rendere i prodotti una volta acquistati: quasi 6 su 10 dichiarano di essersi sentiti a disagio o in colpa, almeno qualche volta, a dover restituire un prodotto. E, addirittura, quasi 2 su 10 si sentono sempre a disagio o in colpa. Confrontando le fasce di età, sono i più giovani a mostrare maggiori resistenze mentre gli over 55 sono meno restii a rendere un prodotto. Quasi la metà degli italiani, inoltre, dichiara di aver tenuto qualcosa perché non aveva voglia o tempo di restituirlo.

“I dati raccolti - afferma Giuseppe Tamola, Country Manager di Zalando per l’Italia - confermano un’attitudine dei consumatori italiani nell’acquistare online solo quando sono veramente sicuri, e una generale avversione all’utilizzo delle opportunità di reso che non riscontriamo in altri Paesi europei. È dunque per noi fondamentale continuare nell’educazione del consumatore verso i nuovi modelli di acquisto e utilizzare i diversi touch point, ad esempio l’assistenza telefonica, come elementi chiave per elevare l’esperienza del cliente, anche con consigli personalizzati”.

A prescindere dall’umore e dal pensiero di dover rendere o meno un prodotto, durante l’esperienza di acquisto online gli italiani reputano importante la componente ispirazionale e relazionale: il 93% acquista non solo per sé ma anche per altre persone e il 76% chiede consigli e opinioni ad amici e parenti. Acquistare in rete, quindi, non è considerata un’attività da fare in solitudine, o almeno non prima di essersi confrontati con le persone care.

Per quanto riguarda, invece, i canali da cui trarre ispirazione, il favorito dal 48% degli intervistati è l’online - social network e siti web - seguito dalla tv, apprezzata da un terzo degli italiani. I prodotti suggeriti dai siti di shopping online sono, inoltre, fonte d’ispirazione per l’83% degli italiani, specialmente, come dichiara il 34%, se affini a ciò che si sta acquistando.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.