Home . Lavoro . Dati . Capgemini compie 50 anni fra innovazione e imprenditorialità

Capgemini compie 50 anni fra innovazione e imprenditorialità

DATI
Capgemini compie 50 anni fra innovazione e imprenditorialità

E' iniziata il 1° ottobre del 1967 la storia di Capgemini, grazie allo spirito di iniziativa di cinque persone che, insieme al fondatore Serge Kampf, si riunivano in un appartamento di due stanze a Grenoble, in Francia. Quella che oggi verrebbe indicata come una 'start-up', cinquant’anni dopo si è evoluta, trasformandosi in un gruppo multinazionale con circa 200.000 dipendenti in più di 40 paesi. Capgemini, leader mondiale nel settore della consulenza, della tecnologia e dei servizi di outsourcing, festeggia oggi i suoi primi 50 anni.

"Festeggiamo i 50 anni di Capgemini attraverso la nostra passione per l’innovazione e l’imprenditorialità. Siamo orgogliosi dei nostri successi, che abbiamo raggiunto non solo grazie a tutti coloro che hanno riposto in noi la loro fiducia - i nostri clienti, dipendenti, azionisti e partner - ma anche al nostro fondatore, un eccezionale innovatore e leader del settore, di quelli difficili da trovare", ha affermato Paul Hermelin, Chairman and Ceo, Capgemini Group.

"Al centro di Capgemini c’è la vision di Serge Kampf: la tecnologia non vale nulla senza le persone che ci lavorano. Con l’obiettivo di scrivere il prossimo capitolo della nostra storia, il Gruppo continuerà a trasformarsi, innovarsi e ad assumere dei rischi sempre con lo stesso desiderio e la stessa determinazione che hanno reso Capgemini ciò che è diventata oggi", ha aggiunto.

Come afferma il motto dell’anniversario, “Living the future since 1967”, Capgemini è da sempre proiettata verso il futuro: sin dall'inizio, infatti, il Gruppo ha aiutato i propri clienti ad affrontare rivoluzionari cambiamenti tecnologici e commerciali. Capgemini ha utilizzato un business model unico nel suo genere: è stata fondata in una città francese di provincia quando i veri affari si svolgevano a Parigi e, a differenza delle altre società It, che solitamente venivano create da ingegneri o tecnici, il suo fondatore era un commerciale.

Negli anni ‘70 Serge Kampf è stato il pioniere della fusione tra la consulenza organizzativa e tecnica e la vicinanza al cliente, una lungimirante offerta di servizi in vista del ruolo che l’It avrebbe ricoperto in futuro nel mondo del business. "Capgemini - sottolinea una nota -deve principalmente la sua filosofia d’avanguardia alla straordinaria personalità del suo fondatore e a una serie di tratti distintivi del suo carattere che oggi sono le fondamenta della cultura del Gruppo: onestà, audacia, fiducia, libertà, spirito di squadra, modestia e divertimento. Capgemini è riconosciuta a livello mondiale per la sua etica esemplare: nel 2017, e per il quinto anno consecutivo, è stata nominata una delle World’s Most Ethical Companies".

"L’ampiezza e la portata dei suoi servizi hanno fatto sì che il Gruppo - prosegue - si ponesse come pioniere delle nuove tecnologie che si evolvono a ritmi serratissimi e che stanno cambiando la vita di ognuno di noi. Attualmente il Gruppo Capgemini è tra i leader dei servizi Digital e Cloud, che rappresentano il 35% dei ricavi societari. Grazie alle sue ampie conoscenze tecnologiche, unite alla consulenza di business e alle competenze specifiche del settore, Capgemini ha siglato partnership con i maggiori brand del mondo per definire e raggiungere le proprie ambizioni in materia digital, nuovi modelli di business, operazioni agile e per far sì che i clienti siano sempre in prima linea nei mercati in cui operano".

Capgemini ha dato il via all’anno che marca il suo cinquantesimo anniversario lanciando l’InnovatorsRace50, un contest a livello mondiale che offre alle 5 start-up finaliste l’opportunità di dare un impulso al proprio business con finanziamenti equity free, oltre ad avere la possibilità di diventare partner di Capgemini. I 5 vincitori originari del Regno Unito, Francia, Canada e Svezia si sono fatti valere contro un’agguerrita concorrenza che contava quasi 1.000 start-up provenienti da 37 paesi, di cui 52 italiane.

La finale si è tenuta a giugno durante VivaTech, la conferenza tecnologica di Parigi dedicata alle start-up più innovative. I vincitori sono stati i primi a ricevere un “Serge Kampf Entrepreneurship and Innovation Award”, il progetto che Capgemini ha lanciato proprio quest’anno per premiare quegli imprenditori che oggi e nel corso degli anni hanno dimostrato passione, determinazione ed eccellenza nell’innovazione.

Sempre a giugno di quest’anno, Capgemini ha lanciato MoveFifty, un’iniziativa a livello mondiale che coniuga progresso, divertimento e spirito di gruppo, tutti elementi che sono parte integrante della società. MoveFifty è stata ideata per incoraggiare tutti i dipendenti a mettersi in gioco e raccogliere fino a 100.000 euro attraverso l’attività fisica e la condivisione dei loro progressi sui social media tramite l’hashtag #Capgemini50, creato appositamente per il cinquantesimo anniversario della società. MoveFifty è sulla buona strada per raggiungere il suo obiettivo entro la fine di ottobre: il ricavato sarà devoluto a tre progetti benefici per l’istruzione, ovvero Ciudad Quetzal, Enlight e Cap Sur Le Code.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.