Home . Lavoro . Dati . Italian Digital Revolution, con rating legalità Pa digitale contrasta corruzione

Italian Digital Revolution, con rating legalità Pa digitale contrasta corruzione

DATI
Italian Digital Revolution, con rating legalità Pa digitale contrasta corruzione

“Il nostro costante coinvolgimento, ascolto e dialogo della società civile attraverso eventi pubblici e sul web ha, di fatto, evidenziato una serie di bisogni e di opportunità che abbiamo avuto cura di raccogliere in un ‘libro bianco sul digitale’. Dalle nostre iniziative emerge che i cittadini sono sempre più consapevoli che attraverso l’utilizzo della tecnologia si possa prevenire e contrastare la corruzione, in particolar modo nella pubblica amministrazione. Lo ha affermato il presidente di Italian Digital Revolution, Mauro Nicastri, presentando la prima edizione del premio nazionale 'Rating di legalità nella pubblica amministrazione', organizzata dall’associazione Italian Digital Revolution in collaborazione con i propri partner. "Per quanto concerne il premio, realizzato dagli studenti del liceo artistico ‘Silvio Lopiano’ di Cetraro, nel Cosentino, verrà consegnato a fine gennaio 2018 e sarà uno strumento tecnologico a decretarne i vincitori”, ha annunciato.

Realizzato da Tecnoter, società impegnata nel settore dell’Information e Communication Technology, si tratta di un software che verificherà i siti delle pubbliche amministrazioni e, incrociando i dati con quelli resi disponibili dall’Anac (Autorità nazionale anticorruzione), calcolerà, si legge nel regolamento, “il tasso di rispondenza a quanto previsto dal decreto legislativo 33/2013 e dalla legge 190/2012 rispetto ai contenuti pubblicati all’interno dei siti web istituzionali sezione ‘Amministrazione trasparente’”, assegnando a ciascuna di esse una percentuale di copertura, ovvero quante delle informazioni previste dalle normative in termini di trasparenza le Pa rendono pubbliche e accessibili ai cittadini. Tra i premiati, vi saranno Comuni grandi e piccoli, una Regione, una Pa centrale, un ente di previdenza, una Asl, una Camera di commercio e un’università.

“Abbiamo costruito una griglia di indicatori - ha spiegato Massimo La Camera, ceo di Tecnoter - dalla quale scaturirà una classifica per tipologia di informazioni. In questo modo verrà realizzato un piccolo portale dove verranno inserite tutte le notizie riguardanti questi siti e consultabili da tutti”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.