Home . Lavoro . Made-in-italy . Da Montefalco il 'modello Sagrantino' per vigneto sostenibile e tech

Da Montefalco il 'modello Sagrantino' per vigneto sostenibile e tech

MADE-IN-ITALY
Da Montefalco il 'modello Sagrantino' per vigneto sostenibile e tech

Un vitigno con quattrocento anni di storia, che riesce ad innovarsi e a ottimizzare la produzione mediante tecniche di coltivazione e imbottigliamento sostenibili, limitando al minimo i trattamenti fitosanitari grazie a un progetto di monitoraggio computerizzato dei vigneti. Questo è il modello Montefalco - che a breve sarà testato su scala regionale con l’obiettivo di realizzare una gestione fitosanitaria sostenibile di tutti i vigneti umbri - e questi sono i tratti distintivi con i quali il Montefalco Sagrantino Docg si propone in occasione di Anteprima Sagrantino 2013, appuntamento enologico organizzato dal Consorzio Tutela Vini Montefalco, che quest’anno consacra Montefalco come esempio di sostenibilità.

“Il nostro concetto di sostenibilità - spiega il presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco, Amilcare Pambuffetti - nasce in vigna e mette l’Internet of Things al servizio della viticoltura stessa. Stazioni meteorologiche connesse alla Rete che si scambiano dati utili all’individuazione di soluzioni. Nel nostro territorio, grazie all’applicazione di Grape Assistance, l'uso dei fitofarmaci è stato ridotto di circa il 40%. Se tutte le aziende del Consorzio sposassero il protocollo, sarebbe possibile risparmiare ben 88 mila euro relativi ai soli prodotti chimici”.

Lunedì 20 febbraio, alle 10, presso il Complesso Museale San Francesco, insieme al successo di Grape Assistance, si parlerà di Sagrantino Stage, la decima tappa del Giro 2017, che vedrà i 'papabili' alla Maglia Rosa sfrecciare attraverso i vigneti del Sagrantino. Un grande riconoscimento per il territorio che celebra i 25 anni della Docg Montefalco Sagrantino. Saranno, inoltre, presentate la vendemmia 2016, l’annata del 2013 e la nuova mappa del Montefalco Sagrantino Docg: territorio, zone, vigneti visti e raccontati con gli occhi e con le immagini create da Alessandro Masnaghetti.

Il Chiostro Sant’Agostino ospiterà il Banco d’assaggio, con servizio sommelier, suddiviso in aree tematiche all’interno delle quali saranno a disposizione Montefalco Sagrantino Docg 2013 secco e passito, Montefalco Rosso Doc 2015 e Montefalco Rosso Doc Riserva 2014, Montefalco Bianco Doc e altri bianchi delle cantine aderenti e i vini Montefalco Doc e Montefalco Sagrantino Docg delle annate in commercio. Nella Sala Consiliare del Comune di Montefalco, l’annata 2013 del Montefalco Sagrantino Docg, secco e passito, nelle due formule alla cieca e bottiglie scoperte, sia con l’annata 2007 per la speciale degustazione Sagrantino Vintage a bottiglie scoperte.

Nel corso della prima giornata di Anteprima Sagrantino, saranno, inoltre, decretati i vincitori dei concorsi indetti dal Consorzio Tutela Vini Montefalco: 'Etichetta d’Autore 2013', 'Sagrantino nel piatto' e 'Gran Premio del Sagrantino'. Grande attesa, nella giornata di martedì, per l’appuntamento 'Sagrantino & Food - A pranzo con il produttore': un incontro con i produttori della Docg Montefalco Sagrantino per degustare i vini della denominazione in abbinamento ai piatti della tradizione umbra.

Sono 31 le cantine aderenti ad 'Anteprima Sagrantino 2013': Adanti, Agricola Castelgrosso, Antonelli San Marco, Arnaldo Caprai, Bocale, Colle del Saraceno, Còlpetrone - Tenute Del Cerro, Di Filippo, Fongoli, F.Lli Pardi, Fattoria Colleallodole - Milziade Antano, Fattoria Colsanto, Fattoria Le Mura Saracene - Goretti, Le Cimate, Montioni, Moretti Omero, Perticaia, Poggio Turri, Romanelli, Scacciadiavoli, Tabarrini, Tenuta Alzatura - Cecchi, Tenuta Bellafonte, Tenuta Castelbuono - Tenute Lunelli, Tenuta di Saragano, Tenuta Rocca Di Fabbri, Terre De La Custodia, Tudernum, Valdangius, Villa Mongalli e Viticoltori Broccatelli Galli.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI