Con 640 Lab manovalanza specialistica e artigianato raccontano il cantiere

Un laboratorio sperimentale di idee, nato nel 2013, con la volontà di elaborare un nuovo concetto di design generato dalla commistione tra manovalanza specialistica e artigianato. E' 640 Lab, presente alla Milano Design Week 2017. La sperimentazione nasce nell’ambito dei cantieri di costruzione della nuova Strada Statale 640 ovvero il percorso che collegherà il territorio di Caltanissetta a quello di Agrigento, i cui lavori di realizzazione sono eseguiti dalla Cmc - Cooperativa Muratori e Cementisti di Ravenna. Il cantiere con i professionisti che vi operano e la comunità locale diventano il luogo privilegiato per elaborare strategie progettuali orientate al design utili non solo agli stessi operatori ma anche al territorio a favore di uno sviluppo sociale e culturale. All’interno degli spazi di grandesignEtico, in piazzale Cadorna 2, è possibile visitare l’allestimento che racconta quello che sta accadendo nell’entroterra siciliano. 'Road to Milan' è pensato come un evento di presentazione dei risultati della sperimentazione in questi primi 4 anni.

Nelle attività dei laboratori sono stati coinvolti operai, artisti, cittadini e differenti professionalità che hanno dato origine a nuove importanti sinergie con le risorse locali. 'Vino seicentoquaranta', ad esempio, è prodotto dalle uve dei vigneti dei piccoli viticultori che costeggiano la nuova strada. Il progetto 'Giardino della legalità', presso la città di Caltanissetta, invece, ha avuto il compito di sensibilizzare la collettività ai temi sociali quali la legalità e la lotta contro la mafia. L’annuale 'festività di Santa Barbara' ha ridato valore alle tradizioni storiche del cantiere ma con atteggiamento contemporaneo.

Dalla sperimentazione laboratoriale e da questa nuova sensibilità sviluppata nelle maestranze è emersa una nuova figura, quella dell’operaio-artigiano, nata dall’accostamento delle manovalanze (specializzata nelle infrastrutture) e dell’artigianato ai processi progettuali tipici del design. Dal macrocosmo della grande opera si passa al microcosmo dei singoli progetti dove nascono nuove significative forme di cultura del progetto.